rotate-mobile
Cronaca Favara

"Stalking e pestaggio col bastone alla fidanzata", la prescrizione cancella la condanna

La Corte di appello dispone il non doversi procedere per un trentaduenne che di recente è stato arrestato perchè trovato con un fucile a canne mozze con matricola abrasa

Il decorso del tempo cancella la condanna nei confronti di un favarese di 32 anni finito a giudizio con l’accusa di stalking, lesioni personali e violazione della legge sulle armi bianche. C.T., arrestato nei mesi scorsi dopo essere stato trovato in possesso di un fucile a canne mozze con matricola abrasa, in primo grado, era stato condannato a un anno, tre mesi e dieci giorni di reclusione. I fatti oggetto del processo risalgono al maggio del 2009.

Troppo il tempo trascorso perché possano essere ancora punibili: la Corte di appello, alla quale si è rivolto il difensore, l’avvocato Salvatore Cusumano, ha disposto il non doversi procedere per l’avvenuta prescrizione dei reati che restavano in piedi. Il trentaduenne, secondo la ricostruzione dei fatti, avrebbe perseguitato la fidanzata, anche nelle fasi in cui avevano interrotto la relazione, con ripetuti e ossessivi messaggi di natura offensiva e minacciosa. In due circostanze la donna sarebbe stata anche aggredita con un bastone e a pugni, riportando delle ferite al labbro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Stalking e pestaggio col bastone alla fidanzata", la prescrizione cancella la condanna

AgrigentoNotizie è in caricamento