"Dammi i soldi o dico a tua moglie che molesti mia figlia", in tre dal gup

L'impiegato delle Poste sarebbe stato costretto a prelevare il denaro dell'ufficio per pagare: a processo andrà anche lui per l'accusa di peculato

Una storia di squallidi ricatti sessuali, con protagonista principale la figlia della donna arrestata, che si intreccia con la sparizione di 573 mila euro dai conti correnti dell’ufficio postale di Favara. La vicenda è approdata in aula per l’udienza preliminare che però, per la seconda volta, non decolla.

Questa mattina c’è stato un nuovo passaggio del procedimento con un rinvio per un problema legato alle notifiche: sono, infatti, pltrte sessanta i titolari di conti, libretti e titoli da cui sarebbero stati fatti sparire i soldi e che, adesso, si possono costituire parte civile. I tre protagonisti della vicenda, nei mesi scorsi, erano finiti agli arresti domiciliari. Si tratta dell’ormai ex impiegato delle Poste, Pasquale Di Stefano, 62 anni, che già da tempo aveva cambiato aria trasferendosi in Lombardia, destinatario anche di un provvedimento di sequestro dei beni, e di una coppia favarese, residente a Catania, ritenuta responsabile di aver estorto, a piu’ riprese, 250 mila euro proprio all’ex impiegato infedele.

All’uomo viene contestata l’accusa di peculato per essersi appropriato indebitamente di una somma di 573 mila euro. La seconda imputazione è la chiave della vicenda: Di Stefano è accusato di atti sessuali con una ragazzina di età inferiore ai 14 anni che avrebbe adescato nella sua auto dopo essersi fotografato i genitali col cellulare. Poi, secondo la ricostruzione dell’accusa, avrebbe mostrato la foto alla ragazzina con la raccomandazione provocatoria di “farla vedere alla madre”. La madre, in realtà, con la complicità del compagno (di entrambi si omettono le generalità per tutelare la privacy della ragazzina), da questo episodio avrebbe avuto l’idea per ricattare Di Stefano e “comprare” il suo silenzio con la moglie con una somma molto alta: 250 mila euro, dilazionati nel tempo, che avrebbe sottratto ai clienti.

I difensori (gli avvocati Luigi Troja e Antonietta Pecoraro) all’udienza del 30 gennaio potranno chiedere un eventuale rito alternativo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • "Cosa nostra" in Canada, il nuovo padrino è Leonardo Rizzuto

  • Mancata convalida dell'arresto di Carola Rackete, la Cassazione respinge il ricorso della Procura

  • Dimentica gli occhiali che spariscono in un lampo: interviene la polizia

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento