Seconda rapina a mano armata in 13 ore, è colpo grosso al "Paghi poco": 20 mila euro il bottino

Ad agire, questa volta, sono stati in due. Uno dei due criminali, al momento dell'irruzione nell'esercizio commerciale, teneva in pugno una pistola

Un supermercato "Paghi poco"

Seconda rapina a mano armata - ai danni di un altro supermercato - nel giro di circa 13 ore. Stamattina, poco dopo l'apertura, è "toccato" al supermercato "Paghi poco" di via Sant'Angelo, sempre a Favara. Il bottino è stato grosso: ben 20 mila euro. 

Armato di pistola rapina un supermercato: è "caccia" al criminale solitario 

Ad agire, questa volta, e non ci sono dubbi, sono stati in due. Uno dei due criminali, al momento dell'irruzione nell'esercizio commerciale, teneva in pugno una pistola. Sotto la minaccia dell'arma, i delinquenti sono dunque riusciti ad appropriarsi dell'incasso della serata lavorativa di ieri. Fulmineo il colpo. Soldi in tasca, i due sono scappati in sella ad un motociclo. Del caso si stanno adesso occupando i carabinieri della tenenza cittadina. 

"Basta con le rapine", il Confasi chiede un tavolo prefettizio 

I militari dell'Arma di Favara, in queste ore, stanno realizzando una serie di perquisizioni. Si cerca il motociclo, ma naturalmente anche i due rapinatori. Non è escluso - ma non ci sono certezze investigative al riguardo - che i rapinatori che, stamattina, hanno colpito il "Paghi poco" possano essere gli stessi di quelli che, ieri sera, avevano razziato il Conad. Ieri sera si parlava di un criminale solitario. Ma non veniva escluso che un secondo uomo potesse anche essere rimasto a fare da "palo" nelle immediate vicinanze. Stando alle indiscrezioni di ieri sera, il rapinatore del Conad si sarebbe allontanato in sella ad una moto.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • "Hanno incassato 80 mila euro su un prestito di 25, ma ancora volevano soldi": fermati due fratelli

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

  • Alberi e detriti per strada, il sindaco: "Non uscite da casa se non necessario"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento