Maschere di Carnevale e pistola in pugno: in due rapinano il supermercato

Minacciando chi, in quel momento, era alla cassa, i malviventi si sono fatti consegnare tutti i soldi che c’erano

Delle indagini si stanno occupando i carabinieri (foto ARCHIVIO)

Maschere di Carnevale sul volto e pistola in pugno hanno rapinato il supermercato Fortè di via Capitano Callea. Due i delinquenti che sono entrati in azione poco prima dell’orario di chiusura dell’esercizio commerciale. Minacciando chi, in quel momento, era alla cassa, i rapinatori si sono fatti consegnare tutti i soldi che c’erano: circa 700 euro.

Rapina a mano armata alla banca Carige: due delinquenti in fuga 

Presi i soldi, il resto – per la coppia di malviventi – è stato quasi un gioco da ragazzi. In una manciata di minuti non soltanto si sono dileguati, ma sono riusciti a far perdere ogni loro traccia. A quanto pare, almeno inizialmente, i due erano stati visti scappare a piedi: dal supermercato non sarebbe stato notato altro.

Rapina al distributore di carbuante Nuara: erano in tre 

In realtà, i carabinieri della tenenza di Favara – che si stanno occupando delle indagini per cercare di identificare i criminali – avrebbero la certezza che i due sono fuggiti a bordo di un’autovettura. Subito dopo la rapina, che è avvenuta nei giorni scorsi e sulla quale è stato mantenuto il fitto – anzi categorico – riserbo, tutta la zona è stata setacciata. I carabinieri hanno anche fatto posti di blocco e di controllo nei pressi della strada statale. L’obiettivo chiaramente era quello di intercettare il mezzo dei fuggitivi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Meccanico" e "dalmata" tentano rapina in cartoleria 

Sono state subito, naturalmente, avviate le indagini. Non ci sono conferme istituzionali, ma appare praticamente scontato che i militari dell’Arma abbiano già acquisito e passato in rassegna le immagini dei sistemi di video sorveglianza. Telecamere che potrebbero anche incidere, e in maniera determinante, nell’identificazione dei criminali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Cosa fare se si è entrati in contatto con una persona positiva al coronavirus

  • Coronavirus, boom di contagi fra Licata, Sciacca, Porto Empedocle e Raffadali: anche 2 bimbi e una docente

  • Aumentano i contagi da Covid, sospesi i mercatini settimanali: ecco dove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento