Cronaca

"Anziana rapinata in casa con la complicità del nipote", due condanne

La Corte di appello conferma la sentenza di primo grado con cui erano stati inflitti 4 anni e 6 mesi ai principali imputati: per gli altri, accuse cadute in prescrizione

Il tribunale di Palermo

Condanna confermata: quattro anni e mezzo di reclusione per i due principali imputati, ovvero Amedeo e Gianluca Stagno, 30 anni, residenti a Favara. Entrambi, difesi dagli avvocati Daniele Re e Fabio Inglima Modica, erano accusati di rapina. In particolare, assieme al nipote dell'anziana vittima che all'epoca dei fatti - era il 18 settembre del 2009 - era minorenne, con il volto coperto da calzamaglia, si sarebbero introdotti all'interno dell'abitazione della pensionata.

E lo avrebbero fatto attraverso la finestra della cucina che sarebbe stata lasciata appositamente aperta dal nipote della vittima. Si sarebbero, così, impossessati di preziosi in oro e argento e di 40 euro. L'anziana sarebbe stata minacciata con una pistola: "Non ti muovere perché ti spariamo, ci devi consegnare tutto quello che hai".

Già in primo grado - il 6 febbraio dell'anno scorso - era stata decisa la prescrizione dell'accusa di ricettazione mossa nei confronti di due imputati - Angelo Noto, 35 anni e Giuseppe Matina, 50 anni - accusati di ricettazione di due bracciali e di una collana in oro, sottratti alla donna.

L'anziana (parte civile con l’assistenza dell’avvocato Monica Malogioglio) ha ottenuto pure il risarcimento dei danni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Anziana rapinata in casa con la complicità del nipote", due condanne

AgrigentoNotizie è in caricamento