Operazione antidroga "Casuzza", l'intercettazione: “… non è che ha scoperto che spacciamo!”

Secondo quanto emerge dall'ordinanza firmata dal gip Alessandra Vella, non mancavano le preoccupazioni per il pagamento del canone d’affitto per l'immobile che, investigatori e inquirenti, hanno ritenuto essere la “centrale” di cessione degli stupefacenti

Un momento della conferenza stampa in Questura

Utilizzavano “un linguaggio di copertura”, con termini come “panini” o “pasta”. Ma spesso – stando a quanto emerge dall’ordinanza di custodia cautelare, richiesta dai pm Gloria Andreoli e Sara Varazi, firmata dal giudice per le indagini preliminari Alessandra Vella – parlavano esplicitamente di “stecchette”, “clienti”, “spaccio” ed “erba”. C’erano – e sono state intercettate dai poliziotti della Squadra Mobile, che è coordinata dal vice questore aggiunto Giovanni Minardi, - delle lamentele per la qualità della roba. E le preoccupazioni, inoltre, stando sempre alle pagine dell’ordinanza, non mancavano e riguardavano il canone da pagare per l’affitto della “casuzza” (un immobile di periferia) che, investigatori e inquirenti, hanno ritenuto quale “centrale” di cessione degli stupefacenti o la paura d’essere stati scoperti dal proprietario dell’immobile.

Smercio di hashish e cocaina a Favara: quel cellulare perso che diventa la chiave di volta

Emblematico uno stralcio di intercettazione: “… non è che ha scoperto che spacciamo” (il riferimento sarebbe stato al proprietario dell’immobile preso in locazione). All’alba di martedì, i poliziotti della Squadra Mobile – con a capo Giovanni Minardi e il suo vice: il commissario Giovanni Franco – hanno eseguito, fra Favara, Agrigento e Canicattì, ben 15 misure cautelari: 9 arresti domiciliari, 4 obblighi di dimora, 1 obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e 1 divieto di soggiorno nel Comune di Agrigento. Due giovani donne – entrambe poste ai domiciliari – le presunte protagoniste del giro di spaccio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Blitz antidroga "Casuzza", ecco i nomi dei destinatari delle misure cautelari

L'inchiest della sezione Antidroga della Squadra Mobile ha preso il via dopo il rinvenimento accidentale, il 5 febbraio del 2019, a San Leone, di un telefono cellulare e di due involucri che contenevano hashish. Nello smartphone c'era una conversazione Whatsapp ancora aperta ed è stato possibile risalire ad alcune conversazioni che avevano ad oggetto la compravendita di stupefacenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il crack del gruppo Pelonero, Patronaggio: "Così la famiglia ha fatto sparire milioni di euro da un’azienda all’altra"

  • Operazione "Malebranche", colpito il gruppo Pelonero: 13 misure cautelari

  • Primo caso di Covid a San Giovanni Gemini: è uno studente che è stato in Lombardia

  • "Società aperte con capitale irrisorio, impennata con volume di affari milionario e tracollo pilotato": ecco il sistema "Pelonero"

  • Valle dei Templi gratis per tutti, gli arancini di Camilleri ed il Jazz: ecco il week end

  • Scontro fra due vetture alle porte di Canicattì, muore 64enne: automobilista arrestato per omicidio stradale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento