Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Senza stipendio da 4 mesi chiedono aiuto ai carabinieri, l'appello: "I nostri figli hanno fame"

In rappresentanza dei 63 lavoratori delle ditte che a Favara si occupano del servizio di igiene ambientale i due operai si sono recati al comando provinciale dell'Arma per manifestare il dramma delle loro famiglie

Non hanno più i soldi neanche per comprare il latte ai figli neonati o la carne, una volta a settimana, ai loro bambini. I 63 netturbini in servizio a Favara  che attendono il pagamento di 4 mensilità, questo pomeriggio, sono andati a bussare alla porta del comando provinciale dei carabinieri per chiedere aiuto. E lo hanno fatto dopo che, nei mesi passati, per 15 giorni si erano astenuti arbitrariamente dal lavoro. "Ci avevano garantito che entro fine aprile dovevano saldarci tutte le mensilità, ma siamo al 5 maggio e non abbiamo visto neanche un centesimo. L'impresa ha ricevuto poche somme dal Comune di Favara e ha girato un acconto di 500 euro, del mese di gennaio, agli operai - ha detto l'operatore ecologico Salvatore Arnone, 44 anni, di Favara, padre di 3 bambini di 9, 7 e 4 anni - . Siamo disperati anche perché siamo famiglie monoreddito e non siamo più in condizione di andare a fare la spesa, famiglie che hanno la corrente elettrica staccata a casa". Lavoratori che non hanno ricevuto, per la sopravvivenza, nessun aiuto da parte dei servizi sociali del Comune. "Abbiamo chiesto aiuto ai carabinieri che si sono messi a disposizione per darci una mano d'aiuto - ha aggiunto il netturbino, impiegato nella nettezza urbana da 13 anni - . Cosa vogliono che mi licenzio e inizio a percepire pure io il reddito di cittadinanza? Chiediamo aiuto a tutte le forze politiche e a tutte le istituzioni competenti perché siamo veramente disperati". "Dicono che da Palermo, dalla Regione, arrivano soldi, ma noi non vediamo niente - ha aggiunto un altro operatore ecologico: Angelo Lantona, 58 anni, di Favara - e siamo alla fame. Non stiamo parlando di pagare debiti, ma di mangiare perché non abbiamo più neanche il necessario. Fino ad ora abbiamo ricevuto solo promesse, nessun aiuto. Solo i nostri familiari o i cittadini dove raccogliamo la spazzatura, consapevoli dei gravi problemi che viviamo, ci danno 10 euro ogni tanto. L'ultima porta alla quale abbiamo potuto bussare oggi è stata quella dei carabinieri che si sono messi a disposizione".

Favara, si va verso un nuovo sciopero dei netturbini: non rispettati gli accordi
Favara, si va verso un nuovo sciopero dei netturbini: non rispettati gli accordi

 

Potrebbe interessarti: https://www.agrigentonotizie.it/cronaca/rifiuti-favara-sciopero-netturbini-protesta-stipendi.html

Si parla di

Video popolari

Senza stipendio da 4 mesi chiedono aiuto ai carabinieri, l'appello: "I nostri figli hanno fame"

AgrigentoNotizie è in caricamento