rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca Favara

"Lesioni e violenza sessuale": marito condannato a 2 anni di reclusione

Il cinquantenne di Favara è stato assolto invece dall'accusa di maltrattamenti in famiglia

Il collegio dei giudici, presieduto da Gianfranca Claudia Infantino, ha condannato a due anni di reclusione - per lesioni, violenza sessuale e indebito utilizzo di carte di credito - il cinquantenne favarese S. M.. Assolto invece dall'accusa di maltrattamenti in famiglia. L'uomo era stato denunciato dalla moglie che sosteneva di essere stata picchiata, violentata e di avere subito la sottrazione indebita di denaro dal suo conto corrente. “Credeva che avessi l'amante ed era sempre aggressivo, prima di andare via da casa, mi ha picchiato e violentato. Ho scoperto dopo alcuni giorni che aveva portato con sé la carta bancomat e mi ha svuotato il conto”. La donna aveva confermato così, in aula, le accuse mosse nei confronti del marito.

La donna, costituita parte civile con l'assistenza dell'avvocato Domenico Russello, aveva dato la sua versione dei fatti alla quale i giudici hanno dato credito per buona parte. Il cinquantenne non ha beneficiato della sospensione condizionale per via dei precedenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Lesioni e violenza sessuale": marito condannato a 2 anni di reclusione

AgrigentoNotizie è in caricamento