"Lesioni e violenza sessuale": marito condannato a 2 anni di reclusione

Il cinquantenne di Favara è stato assolto invece dall'accusa di maltrattamenti in famiglia

Il collegio dei giudici, presieduto da Gianfranca Claudia Infantino, ha condannato a due anni di reclusione - per lesioni, violenza sessuale e indebito utilizzo di carte di credito - il cinquantenne favarese S. M.. Assolto invece dall'accusa di maltrattamenti in famiglia. L'uomo era stato denunciato dalla moglie che sosteneva di essere stata picchiata, violentata e di avere subito la sottrazione indebita di denaro dal suo conto corrente. “Credeva che avessi l'amante ed era sempre aggressivo, prima di andare via da casa, mi ha picchiato e violentato. Ho scoperto dopo alcuni giorni che aveva portato con sé la carta bancomat e mi ha svuotato il conto”. La donna aveva confermato così, in aula, le accuse mosse nei confronti del marito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La donna, costituita parte civile con l'assistenza dell'avvocato Domenico Russello, aveva dato la sua versione dei fatti alla quale i giudici hanno dato credito per buona parte. Il cinquantenne non ha beneficiato della sospensione condizionale per via dei precedenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • Aveva febbre e diarrea: morto un ghanese 20enne, scatta il protocollo sanitario per Covid-19

  • Favara saluta Lorena con i lenzuoli bianchi, i familiari del presunto omicida: "Persa una figlia"

  • L'epidemia da Coronavirus si allarga: primi contagiati a Naro e Ravanusa

  • Rientra in città dal Nord e in famiglia scoppia il parapiglia: accorre la polizia

  • Secondo tampone positivo in meno di 24 ore a Ravanusa: è un focolaio diverso, per l'Asp gli infetti sono 85

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento