Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Il doppio incendio di auto, le indagini: 10 giorni prima altri due falò

Fra l’artigiano e l’operaio – che hanno subito, durante la stessa notte, il rogo delle rispettive auto – non c’è nessun rapporto, neanche di conoscenza

Fra l’artigiano e l’operaio – che hanno subito, durante la stessa notte, l’incendio delle rispettive auto – non c’è nessun rapporto, neanche di conoscenza. Le vie in cui i “falò” si sono registrati non sono neanche particolarmente vicine. I carabinieri della tenenza di Favara, già ieri mattina, avevano avviato e stavano sviluppando l’attività investigativa per fare chiarezza sui due incendi auto che si erano registrati poche ore prima.

In via Soldato Sciumè è andata in fumo la Fiat Bravo di proprietà di un artigiano quarantaduenne. In via Calosso, invece, è stata avvolta dalle fiamme la Fiat Punto di proprietà di un operaio di 47 anni. Le cause del doppio rogo non sono, infatti, per niente chiare. Ieri, nonostante il passare delle ore, gli investigatori continuavano a parlare “di cause ancora in corso d’accertamento”.

Bruciano le auto di artigiano e operaio: è mistero sulle cause, aperta un'inchiesta

Appena una decina di giorni prima, sempre a Favara, sono andati a fuoco altri due mezzi, in orari e punti diversi del paese. Nessun collegamento – emerse allora - fra il disoccupato 40enne e l'operaio 35enne che, nel giro di poche ore, avevano visto andare in fumo le proprie auto. Il primo rogo, di una Opel Zafira di proprietà del disoccupato, si registrò in piazza Alberiore; l’altro, di un Fiat Doblò di proprietà di un operaio originario di Porto Empedocle, in via Cavalcanti. Anche di queste indagini si stanno occupando i carabinieri della tenenza cittadina. 

Inevitabile la domanda: che cosa sta succedendo a Favara? Semplice casualità? Saranno i militari dell'Arma della tenenza a dover fare chiarezza. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il doppio incendio di auto, le indagini: 10 giorni prima altri due falò

AgrigentoNotizie è in caricamento