Incendiato "El Peskador": era il simbolo di solidarietà, accoglienza e integrazione fra i popoli del mondo

Il peschereccio, affidato dalla Procura della Repubblica, nel corso degli anni s'era trasformato nell'esempio di incuria ed abbandono. Durante la notte, il fuoco

Quel che restava già stanotte del "Peskador"

Avrebbe dovuto essere il simbolo dell'accoglienza e della fraternità. In realtà, di recente, s'era trasformato nell'esempio concreto dell'incuria e dell'abbandono. Perché di quel peschereccio libico - il "Peskador" - ottenuto in affidamento dalla Procura della Repubblica dai frati minori di Favara nessuno sembrava occuparsi più. Stanotte, è stato incendiato. E non ci sono dubbi sulla natura dolosa delle fiamme. E' accaduto tutto in piazzale Belvedere, sulla collina di San Francesco, a Favara. Erano le 2,45 circa a quando alla sala operativa del comando provinciale dei vigili del fuoco risuonava l'Sos e subito i pompieri si precipitavano. Ma non c'è stato molto da fare per quella "carretta del mare": un'imbarcazione utilizzata dai migranti per arrivare fino alla costa agrigentina. I pompieri sono rimasti al lavoro fino alle 4,50.  

Le reazioni. LiberArci: "Colpo alla crescita culturale e sociale"

Delle indagini - ma non ci sono dubbi sulla natura dolosa - si stanno occupando i carabinieri della tenenza di Favara, coordinati dal comando compagnia di Agrigento. Non dovrebbe essere stato un raid vandalico e meno che mai - ma spetterà all'inchiesta mettere dei punti fermi - un gesto di intolleranza verso i migranti e verso il fenomeno dell'immigrazione. Il gesto ha però danneggiato un “monumento pubblico a carattere umanitario che simboleggia la solidarietà, l’accoglienza e l’integrazione fra gli uomini e i popoli del mondo”. Perché così aveva scritto e sottoscritto - era il giugno del 2016 - il sindaco Rosario Manganella quando Favara "adottava" la "carretta". 

Il rogo potrebbe essere stato appiccato - ma le indagini sono, appunto, appena all'inizio - da una persona con problemi psicologici.

LA VIDEO INTERVISTA. Il guardiano del convento: "Spero si tratti solo di una ragazzata"

Il sindaco: "Speriamo non sia un gesto razzista"

"Abbiamo appreso, stamani, la triste notizia del gesto vile che ha colpito la nostra comunità. Intorno alle 3, tra la notte di venerdì e sabato, nel piazzale Belvedere di San Francesco, è stata bruciata la barca El Pescador simbolo dell'accoglienza e dell'immigrazione. Nell'auspicio che sia solamente un mero atto vandalico e non un gesto razzista" - ha scritto, sui social, il sindaco di Favara Anna Alba - .

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Passeggero della Tua positivo al Covid 19, l'Asp: "Chi ha viaggiato su questo bus ci contatti immediatamente"

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

  • Coronavirus, salgono ancora i nuovi casi in Sicilia: 8 gli agrigentini contagiati

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): 6 per Agrigento, arrivano i primi tamponi rapidi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento