Cronaca

Favara, "coltivava cannabis sul tetto di un palazzo abbandonato"

La polizia ha arrestato Vincenzo Crapa, 21 anni. Durante un controllo scoperto anche un allaccio abusivo alla rete elettrica

Piante di cannabis

Coltivava piante di cannabis sul tetto di un palazzo abbandonato a Favara. Per questo è stato arrestato dalla polizia Vincenzo Crapa, ventunenne favarese. 

Ieri, durante un controllo del terriorio, gli uomini della Mobile hanno fatto irruzione nell'edificio diroccato, in un quartiere popolare di Favara, dove hanno scoperto una quindicina di vasi con piante di marijuana di dimensioni variabili da pochi centimetri ad oltre un metro e ottanta, per un valore sul mercato che si aggira tra i 4 e i 5 mila euro.

I poliziotti della sezione antidroga hanno sequestrato anche il necessario per la coltivazione dello stupefacente quali bidoni, concime e terriccio. Messo alle strette, il ventunenne ha ammesso di essere il coltivatore delle piante di cannabis e per questo è stato arrestato.

Durante la perquisizione domiciliare, gli stessi poliziotti, hanno contestato anche il reato di furto aggravato di energia elettrica, poiché nell’abitazione l’impianto interno risultava direttamente collegato alla rete pubblica, senza il regolare passaggio dal misuratore, come confermato dai tecnici Enel intervenuti.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Favara, "coltivava cannabis sul tetto di un palazzo abbandonato"

AgrigentoNotizie è in caricamento