menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Calogero Presti

Calogero Presti

Blitz "Up and down", annullata ordinanza: favarese va ai domiciliari

I giudici, accogliendo il ricorso della difesa, hanno sostituito la misura del carcere per il quarantatreenne Calogero Presti

Il tribunale del Riesame di Palermo, accogliendo il ricorso dell'avvocato Salvatore Virgone, ha annullato parzialmente l'ordinanza di custodia cautelare - dell'inchiesta antidroga "Up and down" - a carico di Calogero Presti, 43 anni, di Favara. I giudici hanno sostituito la misura del carcere con quella dei domiciliari. 

LEGGI ANCHE: Annullata l'ordinanza, torna libera Rania El Moussaid 

Presti era stato accusato di essere uno dei promotori della presunta organizzazione di trafficanti che importava la droga dal Belgio e la rivendeva a Favara. Il blitz è scattato alla vigilia di Natale ed è stato eseguito dai carabinieri della tenenza di Favara.

LEGGI ANCHE: Riesame annulla ordinanza, tona libero un empedoclino 

Sette le ordinanze di custodia cautelare firmate dal gip di Palermo, Wilma Mazzara, su richiesta del pm della Dda Claudio Camilleri. Cinque persone che, alla vigilia di Natale, finirono in carcere e due ai domiciliari. L'accusa ipotizzata fu quella di associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti e spaccio di sostanze stupefacenti. La competenza della Procura antimafia scaturisce proprio dalla contestazione di associazione.

LEGGI ANCHE: Blitz "Up and down", in libertà trentottenne favarese

L’ordinanza a carico di Stefano Sacco, 52 anni, di Porto Empedocle è stata del tutto annullata. Per Carmelo Vaccaro e Rania El Moussaid c'è stato un annullamento parziale. La misura di quest’ultima è stata sostituita con l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Per Vaccaro è stato disposto il divieto di dimora in provincia di Agrigento.

Per Fallea e Indelicato, difesi dagli avvocati Domenico Russello e Angelo Nicotra, si attende la decisione del tribunale del Riesame sulla richiesta di annullamento dell’ordinanza. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento