rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Cronaca

Finti infortuni sul lavoro grazie ad aziende fantasma, falsa partenza del processo bis

L'inchiesta "Demetra" approda ancora in aula dopo l'annullamento dei ventinove rinvii a giudizio

Ennesima falsa partenza del processo, a carico di ventinove imputati, scaturito dal secondo filone di indagini dell’inchiesta "Demetra" che ipotizza un giro di falsi infortuni sul lavoro messo in piedi, con la complicità di medici e faccendieri, con la finalità di truffare l'Inail. Ieri mattina, per la seconda volta, dopo i rinvii a giudizio decisi dal gup Luisa Turco, doveva ripartire il processo ma il giudice monocratico Giuseppa Zampino ha preso atto che alcune notifiche non erano andate in porto e ha disposto un rinvio al 20 novembre. I rinvii a giudizio, in un primo momento, erano stati annullati per un problema procedurale.

A sollevare la questione erano stati i difensori (fra gli altri gli avvocati Giuseppe Scozzari, Antonino Gaziano, Giuseppe Barba, Rosa Salvago, Salvatore La Longa, Rosario Pendolino, Angelo Formuso e Aldo Virone) che avevano sottolineato la circostanza della mancata lettura, lo scorso 21 marzo, da parte del gup Alessandra Vella, della data di inizio del dibattimento, del giudice assegnato e dell’aula.

La vicenda è di nuovo approdata in aula anche se molti reati sarebbero già prescritti o sul punto di essere cancellati dalla prescrizione. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finti infortuni sul lavoro grazie ad aziende fantasma, falsa partenza del processo bis

AgrigentoNotizie è in caricamento