menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un medico è stato rinviato a giudizio per truffa

Un medico è stato rinviato a giudizio per truffa

"False visite a domicilio", rinvio a giudizio per un medico

L'imputato è Carmelo Amato, 65 anni, accusato truffa aggravata. Avrebbe attestato attività mai svolta che poi gli è stata retribuita dall'Asp

Attestava falsamente di visitare dei pazienti nella propria abitazione per truffare l’Azienda sanitaria provinciale. È questa l’accusa che ha portato al rinvio a giudizio del medico Carmelo Amato, 65 anni, già coinvolto in un’altra vicenda giudiziaria su una presunta truffa nella vendita dei farmaci.

La decisione di disporre l’approfondimento dibattimentale è del giudice dell’udienza preliminare Alfonso Malato che ha accolto la richiesta del pubblico ministero Carlo Cinque. Amato, difeso dall’avvocato Giuseppe Scozzari, dovrà rispondere di falso e truffa aggravata. L’Azienda sanitaria provinciale si è costituita parte civile con l’assistenza dell’avvocato Floriana Salamone. Amato, secondo l’accusa, avrebbe attestato falsamente di avere visitato alcuni pazienti al fine di chiedere il relativo pagamento all’Asp.

Per farlo avrebbe falsificato il diario clinico di un paziente, gli elenchi mensili con cui riepilogava all’Asp le visite fatte e persino le firme dei pazienti per fare in modo che risultasse la ricevuta sull’attestazione delle visite. Gli episodi contestati sono una quindicina e risalgono al 2013. L’importo della presunta truffa è di 300 euro. L’indagine è partita dopo le denunce di una paziente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento