Sabato, 13 Luglio 2024
Tribunale / Canicattì

"Finge crollo del fatturato per ottenere 270mila euro di contributi Covid": imprenditore a giudizio

Il 42enne, titolare di una ditta che commercializzava prodotti estetici, aveva dichiarato un netto calo dei redditi che, invece, nell'anno della pandemia era stato quadruplicato

Dichiara redditi ampiamente superiori a quelli reali e comunica di avere avuto un "crollo" del fatturato nell'anno del Covid quando, al contrario, i guadagni erano stati quadruplicati.

Con due false dichiarazioni, in totale, aveva ottenuto l'erogazione di 270 mila euro. L'imprenditore Salvatore Lo Cicero, 42 anni, di Canicattì, titolare di una ditta che commercializza prodotti estetici, finisce a processo per l'accusa di indebita percezione di erogazioni pubbliche,

Il pubblico ministero Elenia Manno, concluse le indagini, ha disposto la citazione a giudizio. I fatti al centro del processo risalgono all'aprile e al giugno del 2021. Lo Cicero, fra l'aprile e il giugno del 2021, avrebbe sottoscritto due dichiarazioni finalizzate ad avere il cosiddetto "contributo Covid" previsto dal "decreto sostegni" per fare ripartire l'economia messa in ginocchio dalla pandemia.

Lo Cicero, in realtà, sostiene l'accusa, avrebbe dichiarato che il reddito del 2020 sarebbe stato di solo 30mila euro quando, invece, ammontava a 157mila euro ovvero quasi il quadruplo dei 39mila euro ottenuti nel 2019. Per simulare un calo, invece, avrebbe dichiarato un reddito di 300mila euro nel 2019 e un crollo nell'anno della pandemia.

L'udienza predibattimentale è stata fissata, davanti al giudice Giuseppe Sciarrotta, per il 19 novembre. Il dfensore, l'avvocato Giacinto Paci, potrà chiedere un rito alternativo al dibattimento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Finge crollo del fatturato per ottenere 270mila euro di contributi Covid": imprenditore a giudizio
AgrigentoNotizie è in caricamento