rotate-mobile
Martedì, 5 Luglio 2022
Cronaca Sciacca

False assunzioni alle Poste, spuntano nuovi elementi: l'inchiesta si allarga

La procura di Sciacca lavora all’individuazione dei correi che avrebbero collaborato alla presunta truffa

L’inchiesta sulle false assunzioni si allarga. Secondo quanto fatto sapere dall’edizione odierna del Giornale di Sicilia, la procura di Sciacca lavora all’individuazione dei correi che avrebbero collaborato alla presunta truffa. Promesse di assunzioni, dunque, che hanno portato all’arresto di tre persone. In questi giorni ci sarebbero nuovi elementi per individuare altre persone Gli elementi sarebbero diversi e la Procura di Sciacca non lascia nulla al caso.

Le sei vittime avevano versato tranche di 2 mila, 5 mila euro, quale acconto. Tre le misure cautelari firmate dal gip del tribunale di Sciacca: una in carcere e due ai domiciliari. In carcere è finito l'uomo, un ex dipendente delle Poste. Mentre le due donne - la moglie dell'ex impiegato e una polacca - sono state poste ai domiciliari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

False assunzioni alle Poste, spuntano nuovi elementi: l'inchiesta si allarga

AgrigentoNotizie è in caricamento