rotate-mobile
Carabinieri

False accuse a comandante del Ros: chiesto nuovo processo per il comandante provinciale dell'Arma

La vicenda si incrocia con quella che ha già fatto finire davanti al gup lo stesso colonnello Vittorio Stingo e altri due ufficiali per l'ipotesi di rivelazione di segreto di ufficio: nei due interrogatori davanti alla procura avrebbe mentito per fare finire a giudizio un collega dicendo che aveva dichiarato il falso

False accuse a un collega a capo di un reparto anticrimine del Ros del Palermitano con la finalità di farlo finire ingiustamente a processo: il procuratore reggente di Agrigento, Salvatore Vella, chiede un nuovo rinvio a giudizio per il comandante provinciale dei carabinieri di Agrigento. Il colonnello Vittorio Stingo è accusato di calunnia.

L'episodio si inquadra nell'ambito di una precedente vicenda giudiziaria per la quale Stingo è imputato, davanti al gup Micaela Raimondo, per rivelazione di segreto di ufficio insieme ad atri due ufficiali del comando da lui diretto ovvero Augusto Petrocchi, a capo della Compagnia di Licata, e il capitano Carmelo Caccetta, ex comandante del Nucleo operativo radiomobile della stessa Compagnia.

L'accusa, nel primo procedimento, è quella di avere dato vita a una fuga di notizie tutta interna all'Arma rischiando di mettere a rischio l'indagine che portò all'arresto, lo scorso 4 luglio, del maresciallo Gianfranco Antonuccio nell'ambito di un'inchiesta su un giro di tangenti. Stingo, secondo quanto ipotizza la procura, sarebbe stato informato lecitamente dell'indagine dall'allora procuratore di Palermo, Francesco Lo Voi, adesso a capo dei pm di Roma, e da un altro ufficiale. 

Stingo "violando i doveri inerenti le funzioni - è l'atto di accusa dei pm - rivelò le circostanze al sottoposto capitano Petrocchi al fine di avviare una procedura di trasferimento per incompatibilità ambientale di Antonuccio". A quel punto Petrocchi avrebbe, quindi, riferito a Caccetta e a un altro carabiniere le informazioni apprese da Stingo sempre per le stesse finalità ovvero far trasferire la "mela marcia" della Compagnia. Il tutto, però, "prima che venisse arrestato o fosse nota la sua condizione di indagato". Caccetta, infine, avrebbe rivelato quanto appreso da Petrocchi a un luogotenente che lavorava con Antonuccio al fine di metterlo in guardia e tenersi distante. 

La nuova richiesta di rinvio a giudizio per calunnia a carico di Stingo - i due procedimenti potrebbero essere unificati e confluire in un'unica udienza preliminare - consiste nell'avere mentito ai pm - è l'ipotesi della procura - in occasione dei due interrogatori, insieme al suo legale Salvatore Pennica, con cui si difendeva dall'accusa di rivelazione di segreto di ufficio. In particolare avrebbe negato di avere ricevuto l'informazione istituzionale dell'avvenuto deposito dell'informativa finale a carico di Antonuccio nei cui confronti era stata chiesta una misura cautelare. "Le dichiarazioni rese dal tenente colonnello - ha detto a verbale riferendosi al collega del Ros - non sono vere": in questo modo, sostiene adesso la procura, lo avrebbe accusato falsamente, sapendolo innocente, del reato di false informazioni a pubblico ministero. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

False accuse a comandante del Ros: chiesto nuovo processo per il comandante provinciale dell'Arma

AgrigentoNotizie è in caricamento