Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca Palma di Montechiaro

"Occultò pistola usata per commettere un omicidio", scarcerato 58enne

Il gip, dopo tre mesi dall'arresto, sostituisce la misura cautelare con il divieto di dimora a Palma

Divieto di dimora a Palma di Montechiaro per il cinquantottenne Carmelo Pace, arrestato il 21 luglio nell'ambito dell'inchiesta sulla faida che, fra il 2015 e il 2017, a Palma di Montechiaro, ha provocato due omicidi.

Il gip Stefano Zammuto, dopo che il provvedimento restrittivo è stato confermato anche al tribunale del riesame sotto il profilo della sussistenza degli indizi di colpevolezza, ha alleggerito - accogliendo la richiesta del difensore, l'avvocato Santo Lucia - la misura degli arresti domiciliari ritenendo che le esigenze cautelari si siano affievolite.

Pace è accusato di avere occultato l'arma con cui, il 9 novembre del 2015, fu ucciso il trentanovenne Enrico Rallo, colpito da numerosi colpi di arma da fuoco nei pressi di un bar dove aveva preso un appuntamento con una persona per vendere un camion che, in realtà, si rivelò un tranello. Ad ucciderlo, secondo la Procura, sarebbero stati Angelo Castronovo, 63 anni e Salvatore Azzarello, 37 anni.

Secondo i pm, la morte di Rallo sarebbe stata vendicata da alcuni parenti e amici che decisero di uccidere Salvatore Azzarello: Giuseppe Rallo, 27 anni; Ignazio Rallo, 39 anni; Roberto Onolfo, 27 anni e Angelo Castronovo, 63 anni. Il gip ritiene, invece, che i gravi indizi sussistano solo a carico di Ignazio Rallo e Roberto Onolfo, finiti in carcere insieme a Castronovo (quest’ultimo accusato di entrambi gli omicidi, ma il gip ha ritenuto carente il quadro indiziario per entrambi gli episodi ed è stato arrestato solo per armi).

Ad innescare la violenza sarebbe stato il furto di alcuni attrezzi agricoli. L'inchiesta, coordinata dal procuratore Luigi Patronaggio e dal pm Alessandra Russo, ha retto al vaglio del riesame che ha confermato i provvedimenti restrittivi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Occultò pistola usata per commettere un omicidio", scarcerato 58enne

AgrigentoNotizie è in caricamento