L'ex governatore racconta la sua Africa, Cuffaro: "Esperienze che ti cambiano la vita"

Ha scontato la sua pena in carcere, l’ex presidente della Regione torna a dirsi pronto a servire gli ultimi

Foto archivio

L’ex governatore di Sicilia, Totò Cuffaro, racconta la sua nuova vita. Condannato per favoreggiamento alla mafia, ha scontato la sua pena, ed ha scelto di volare in Burundi. “Il giorno prima di ripartire per l’Italia ho assistito alla nascita di un neonato.  Era in gravi condizioni a causa di un tumore nelle parti addominali. Nel visitarlo, pensai di attivare tutte le procedure d’emergenza per trasportarlo in Sicilia, ma fui invitato a desistere. Ascoltando quelle parole, fui assalito dall’angoscia, ma l’indomani mi imbarcai su quel volo per l’Italia ancora più coinvolto emotivamente e motivato ad aiutare ai poveri”.  Queste le parole di Cuffaro al quotidiano La Sicilia.  Lui, che per molti ancora è “il presidente”, ha scelto di cambiare vita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Per fronteggiare questa piaga – racconta Cuffaro – dopo Pasqua farò ritorno in Burundi abbiamo organizzato  all’ospedale Karusy un primo corso di ecografia. E’ stato  straordinario vedere come medici, infermieri, religiosi e semplici volontari seguissero e avessero con vorace voglia di imparare le spiegazioni. Durante il viaggio nelle zone interne – dice Cuffaro a La Sicilia – siamo andati a trovare i pigmei Batwa, una comunità di circa due milioni di persone che non ha ancora avuto commissioni con altre razze. E’ un popolo molto bravo nella realizzazione di vasellame in ceramica, ma con l’arrivo della plastica li ha messi in crisi economica. Pertanto abbiamo deciso di acquistare da loro 10mila vasi, che venderemo nelle piazze più importanti. I proventi li impiegheremo per sostenere una tribù. Poi in agricoltura stiamo cercando di insegnare la coltivazione del grano e delle barbatelle da vigna. Ciò che portiamo in Burundi, dove presto arriverà un nuovo container pieno di farmici, abiti e alimenti non deteriorabili e giocattoli per bambini. Queste sono esperienze che ti cambiano per sempre la vita. Un inno alla speranza ed alla voglia di vivere, nonostante le enormi difficoltà”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • Bonus vacanze, servirà una "identità digitale" ... e in tanti devono ancora richiederla

  • "No" assembramenti: stop a feste e sale da ballo, ipermercati chiusi le domeniche pomeriggio

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • Lascia i migranti davanti la spiaggia e riprende il largo: bloccato "taxi del mare" e arrestato scafista

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento