Cronaca

Ex Ipia di via Mattarella, servono quasi 6 milioni di euro per l'adeguamento

Il complesso di strutture è chiuso da anni dopo che si rivelò costruito in calcestruzzo depotenziato, adesso il Libero consorzio cerca tecnici per la progettazione esecutiva dei nuovi impianti

L'ex Ipia

E' chiuso ormai da anni perchè, si scoprì, il calcestruzzo con cui era stato costruito risultava non essere abbastanza resistente da garantrie la sicurezza di chi lo frequentava. Adesso per il complesso scolastico dell'Ipia "Fermi", oggi trasferito nella zona industriale con non poche difficoltà, si potrebbe aprire una delicata fase finalizzata al recupero e alla nuova messa in esercizio dell'intera "cittadella".

Il Libero consorzio, infatti, con il proprio settore Infrastrutture ha pubblicato un bando destinato ad individuare un tecnico cui affidare l'incarico di progettazione esecutiva di un adeguamento degli impianti tecnologici della scuola, per un totale di oltre 5 milioni e ottocentomila euro di lavori da realizzare con l'obiettivo, evidentemente, di riaprire la struttura e renderla fruibile.

"Via l'Ipia dalla zona industriale", dopo anni si lavora ad una soluzione alternativa

Un'urgenza (per quanto ci vorranno certamente anni per completare il tutto e realizzare gli interventi) soprattutto in considerazione del fatto che si sta lavorando al momento per lo spostamento delle attività didattiche dall'attuale sede della zona industriale per consentire la realizzazione di un impianto di trattamento dei rifiuti che ottenne uno "stop" proprio stante la presenza dell'istituto scolastico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex Ipia di via Mattarella, servono quasi 6 milioni di euro per l'adeguamento

AgrigentoNotizie è in caricamento