Il Comune chiede l'ex eliporto al Demanio: "Sarà l'area per lo street food"

Qui dovrebbero lavorare gli ambulanti che per anni hanno operato in piazza Caratozzolo e sono stati fatti sloggiare mesi fa dall'Ente

(foto ARCHIVIO)

Prende forma, almeno sulla carta, l'area per lo "street food" di San Leone. Il Comune di Agrigento, infatti, nei giorni scorsi ha inviato al Demanio marittimo la richiesta di concessione in uso dell’area nota come “ex eliporto” fino al 13 di ottobre prossimi, per la somma di poco più di 4300 euro.

Trovata una soluzione per gli ambulanti dello street food: rientra la protesta

Dall'utilizzo dell'area, ampia 380 metri quadri, l'ente conta di incassare circa 20mila euro grazie alla realizzazione di una decine di stalli in cui lavorare gli ambulanti che nei mesi scorsi avevano lasciato piazzale Caratozzolo.

Il progetto del Comune, stando a quanto finora anticipato, prevederebbe la creazione di una vera e propria “area food”, non solo con l’installazione di tavoli, panchine e punti di verde, ma con una vera e propria animazione estiva con musica e spettacoli. Un modo per attirare avventori e scongiurare il timore principale dei commercianti, cioè che spostarsi in una sede diversa da quella tradizionalmente utilizzata, potesse danneggiarli. 

Potrebbe interessarti

  • Come proteggersi dalle zecche

  • Formiche in casa: rimedi naturali per eliminarle

  • Come eliminare la puzza di sigarette dai nostri ambienti domestici

  • Il bicarbonato di sodio e i suoi utilizzi in casa

I più letti della settimana

  • Nuovo colpo a Cosa Nostra, scatta il blitz Assedio: 7 fermi, c'è anche un consigliere comunale

  • Camilleri resta in Rianimazione, il retroscena: 20 giorni fa si era rotto il femore cadendo in casa

  • Camilleri lotta fra la vita e la morte, Racalmuto lo ha già dimenticato

  • Bimbo di 12 anni rischia di annegare, tre bagnini lo portano in salvo

  • Blitz antimafia "Assedio", ecco i nominativi dei fermati

  • "Tangenti all'Agenzia delle Entrate", direttore generale: "Ecco perchè licenziai il funzionario"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento