menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maddalusa, l'ex discarica abusiva trasformata in un giardino polivalente

Non più "lambrettisti" che scaricano i loro rifiuti abusivamente, ma ragazzi che con passione e voglia hanno voluto investire. Abbiamo intervistato uno dei soci, Domenico Vinti, nonchè proprietario del terreno che ospitava - abusivamente - la discarica

Quando il privato salva il territorio. E' la storia dell'ormai ex discarica a cielo aperto di contrada "Maddalusa", ad Agrigento, trasformata in un giardino polivalente. Non più "lambrettisti" che scaricano i loro rifiuti, ma ragazzi che con passione e voglia hanno voluto investire. Abbiamo intervistato uno dei soci, Domenico Vinti, nonchè proprietario del terreno che ospitava - abusivamente - la discarica e che oggi ha preso il nome di "Quattroventi".

"Il passo sembrerebbe veloce, ma invece dietro c'è un immenso lavoro. La fatica è stata inspiegabile. Anni fa mio padre mi disse che questo era un terreno nostro. All'inizio l'idea non mi aveva convinto, - ammette - ma poi è come se mi si fosse accesa una lampadina. Venivo qui e vedevo i lambrettisti che scaricavano come se nulla fosse, questa cosa mi dava sui nervi. Così ho deciso di fare qualcosa. Ho parlato con mia sorella, lei è un avvocato, e abbiamo iniziato la nostra salita. Abbiamo convinto - spiega Domenico Vinti - chi di competenza che la riqualifica di questo terreno poteva essere anche utile alla collettività. Il parlare quasi giornalmente con i vertici della Soprintendenza di Agrigento, che oggi pubblicamente ringrazio, fino ad arrivare all'incontro che ha agevolato i nostri progetti. Infatti, anche i dirigenti del Comune di Agrigento, Franco Lupo e Antonino Terrana, hanno capito e appoggiato il progetto. Da lì la nascita del nostro locale".

Un luogo di aggregazione in una location con una vista domenico vinti-2mozzafiato, nato da uno spirito imprenditoriale che ha esaltato un angolo di città abbandonato a se stesso. "Io sono uno di quelli che ha deciso di restare, - dice ancora Domenico Vinti - Agrigento è la mia terra, è un posto incantevole e merita d'essere trattato con rispetto. Mi reputo ancora un 'mezzo giovane' - spiega Domenico Vinti -, faccio parte di quella fascia di ragazzi che questo posto lo ha vissuto e, ribadisco, non penso di aver fatto una cosa straordinaria. Anzi, il mio vuol essere un invito a chi ha voglia di investire in questo posto magnifico".

Un "giardino polivalente", così a Domenico Vinti piace definire "Quattroventi": "Non vuole essere un posto di pura movida, l'idea non è proprio questa. Siamo 6 soci con buone idee, abbiamo speso tanto per questo posto, non ci siamo mai risparmiati in nulla. Abbiamo fatto tutto a norma, dalle mattonelle bloccanti, alle strutture di legno. Ho messo questo posto a disposizione delle varie associazioni, - spiega l'agrigentino - abbiamo già una bozza di eventi che si svolgeranno qui. Ho chiamato a raccolta i fotografi agrigentini per fare una mostra in ricordo di Hardcastle. Dobbiamo ancora stabilire il giorno, ma con certezza posso dire che qui verrà presentato il libro di Gaetano Savatteri. Avremmo anche l'onore di avere l'attore Gaetano Aronica".

>>> VIDEO: DA DISCARICA A GIARDINO POLIVALENTE, LA STORIA IN UN MINUTO <<<

Non solo involuzioni ad Agrigento, ma anche evoluzioni; un processo che passa dal brutto al bello, una sorta di miracolo a cielo aperto voluto da alcuni giovani che non hanno deciso di lasciare inghiottire Agrigento dall'inciviltà. Il nuovo giardino polivalente si affaccia sulla Valle dei Templi e sul mare agrigentino, ma confina ancora con delle piccole discariche abusive. "Questa zona è bellissima, - dice ancora Domenico Vinti - ma secondo me sottovalutata. Il boschetto è frequentatissimo, ma la gente qui ancora getta i rifiuti. Da quando abbiamo realizzato il nostro progetto non ho visto più nessun 'abusivo' salire qui a fare i suoi comodi, in teoria basta veramente poco".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento