rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca Licata

“Non era in casa nonostante gli arresti domiciliari”, si aggrava la pena per 69enne che finisce in carcere

La polizia di Stato ha dato esecuzione al decreto di sospensione della misura alternativa della detenzione domiciliare conducendo l’uomo alla casa circondariale di contrada Petrusa

Non era in casa nonostante fosse agli arresti domiciliari: si aggrava la pena detentiva per un 69enne licatese che è stato portato in carcere.

A dare esecuzione al decreto di sospensione della misura alternativa della detenzione domiciliare mediante braccialetto elettronico, sono stati gli agenti del commissariato di polizia di Licata. L’uomo - I.P.G., queste le sue iniziali - era stato denunciato nei giorni scorsi per il reato di evasione e da questo episodio è scaturito poi l’aggravamento della pena.

Il 69 è stato così accompagnato alla casa circondariale “Pasquale Di Lorenzo” in contrada Petrusa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Non era in casa nonostante gli arresti domiciliari”, si aggrava la pena per 69enne che finisce in carcere

AgrigentoNotizie è in caricamento