menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Evade per annaffiare le piante", nessuna misura dopo la convalida

Il giudice rimette in libertà Carmelo Capraro che torna ai domiciliari dove dovrà scontare 8 anni per truffa

Arresto convalidato senza l'applicazione di alcuna misura cautelare. Queste le decisioni del giudice Rosanna Croce al termine dell'udienza del processo per direttissima nei confronti di Carmelo Capraro, 73 anni, arrestato dai carabinieri per l'accusa di evasione.

Evade per inaffiare le piante, arrestato pensionato

Capraro, che era detenuto nella sua abitazione per scontare un cumulo di condanne per truffa a 8 anni di reclusione, è stato sorpreso dai militari mentre innaffiava alcune aiuole per strada a Fontanelle. L'anziano, difeso dall'avvocato Gianfranco Pilato, è comparso davanti al giudice per il processo per direttissima. Il magistrato, pur convalidando l'arresto dei carabinieri, non ha applicato alcuna misura cautelare. 

Capraro, che ha ottenuto la detenzione domiciliare per gravi ragioni di salute, era autorizzato ad uscire da casa tre ore al giorno con la possibilità di andare a qualsiasi ora dal medico. Il processo per direttissima continua il 20 ottobre. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento