Venerdì, 19 Luglio 2024
Commissariato / Canicattì

Sorpresa in strada a litigare con una donna insulta e minaccia i poliziotti: 35enne in carcere

Era uscita di casa dove era ai domiciliari con braccialetto elettronico, quando gli agenti sono arrivati si è scagliata verbalmente contro di loro

Non avrebbe potuto metter piede fuori casa dove era ai domiciliari con braccialetto elettronico. È stata invece trovata davanti l'abitazione, mentre litigava con un'altra canicattinese. E all'arrivo dei poliziotti del commissariato cittadino, allertati dal segnale d'allarme del braccialetto elettronico, non ha affatto - anche se non sarebbe servito a niente - cercato di giustificarsi. Ma anzi, s'è scagliata verbalmente proprio contro gli agenti, insultandoli e minacciandoli. 

Ha 35 anni la donna che, nei giorni scorsi, era stata denunciata alla procura, sia per evasione dagli arresti domiciliari che per minacce a pubblico ufficiale. Nel giro di poche ore, è arrivato il provvedimento di aggravamento: la canicattinese non può più stare ai domiciliari, ma deve tornare in carcere. Ordine di aggravamento che è stato appunto subito eseguito dai poliziotti che hanno trasferito la donna alla casa circondariale Pasquale Di Lorenzo di Agrigento.

La trentacinquenne è risultata essere, fra l'altro, recidiva. Già nel recente passato posta agli arresti domiciliari per atti persecutori, ha violato la misura ed era stata portata in carcere. Adesso, a quanto pare, era stata ricollocata ai domiciliari da circa un mese. E questa volta c'è rimasta poco, anzi pochissimo, a casa.  

AgrigentoNotizie è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sorpresa in strada a litigare con una donna insulta e minaccia i poliziotti: 35enne in carcere
AgrigentoNotizie è in caricamento