rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
Cronaca

Eugenio D'Orsi: "Un indagato non merita la scorta"

Il presidente ha scritto al prefetto e al Comitato di sicurezza pubblica per comunicare la...

Con una lettera indirizzata al prefetto Francesca Ferrandino, al questore Giuseppe Bisogno, al comandante provinciale dei carabinieri, Mario Di Iulio, ed al comandante provinciale della Guardia di finanza, Vincenzo Raffo, il presidente della Provincia regionale di Agrigento, Eugenio D'Orsi, ha comunicato, questa mattina, di rinunciare al servizio di tutela personale. 

“Ritengo quanto mai opportuno e coerente – ha scritto il presidente della Provincia -  che un cittadino 'indagato', pur rappresentando un’istituzione, non possa, né debba essere tutelato dallo Stato che, secondo le gravi accuse, avrebbe ignobilmente tradito. La vicenda giudiziaria che mi riguarda, è intrisa di paradossi e contraddizioni che difficilmente potrebbero essere compresi dai cittadini, qualora io non rinunciassi al servizio di 'tutela'. Non vedo – continua D'Orsi  - come i cittadini potrebbero comprendere ed accettare un paradosso tipicamente pirandelliano, che si cala benissimo nella nostra realtà, che vede da un lato il presidente della Provincia 'tutelato' e 'scortato' dallo Stato e dall’altro, lo stesso, indagato. Ho deciso, pertanto, di rinunciare al servizio di tutela assegnatomi dal prefetto di Agrigento e dal Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica, perché, anche in questo caso, non vengono meno le motivazioni, né la oggettiva incompatibilità che stanno alla base di tale drastica scelta. Credo in ultima analisi – conclude Eugenio D'Orsi - che una rivalutazione della mia personale posizione potrà avvenire solo dopo che io abbia chiarito con la giustizia, le gravissime condotte che mi vengono addebitate”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eugenio D'Orsi: "Un indagato non merita la scorta"

AgrigentoNotizie è in caricamento