rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
"Cavallo di ritorno" / Raffadali

"Restituite i soldi degli stipendi o vi licenzio": imprenditore condannato a 4 anni

Le vittime, dipendenti di una coop che opera nel settore socio assistenziale, avevano confermato le accuse in aula: "C'era una frase in codice da dire quando c'erano altre persone"

"Qua si fa così, o ci ridate i soldi o vi licenzio". Il "cavallo di ritorno" sulla busta paga, secondo quanto raccontato in aula da alcune presunte vittime, sarebbe stato obbligatorio e imposto con minacce per nulla larvate ma esplicite e dirette.

I giudici della Corte di appello di Palermo, presieduta da Vittorio Anania, hanno condannato l’imprenditore Pietro Galvano, 74 anni, di Raffadali, presidente della cooperativa sociale "Il Girasole", a 4 anni di reclusione per l'accusa di estorsione.

E' stata, quindi, confermata la sentenza di primo grado emessa dal tribunale di Agrigento nell’ottobre 2022.

Pizzo sulla busta paga, al via processo a imprenditore

L’indagine della procura di Agrigento e della squadra mobile scaturisce dalla denuncia presentata nell’agosto del 2016 da una ex dipendente della cooperativa sociale.

La donna ha raccontato di essere stata costretta a restituire parte dello stipendio che formalmente le veniva erogato e che, se si fosse rifiutata, avrebbe perso il lavoro.

Tre presunte vittime si sono costituite parte civile (con l'assistenza degli avvocati Floriana Salamone, Giuseppina Ganci e Angela Riggio) e hanno ottenuto il diritto al risarcimento del danno. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Restituite i soldi degli stipendi o vi licenzio": imprenditore condannato a 4 anni

AgrigentoNotizie è in caricamento