Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

"Estorsioni ai danni di due imprenditori", chiesti 10 anni per Massimino e 7 per Militello

L’inchiesta condotta dalla Dia di Agrigento, agli ordini di Roberto Cilona

Estorsione ai danni di un imprenditori, chiesti dieci anni per Antonio Massimino e sette anni per Liborio Militello. La Requisitoria dei pubblici ministeri è stata fatta questa mattina nel corso dell’udienza con il rito abbreviato. A Palermo e davanti al Gup Fabrizio Molinari, l’estorsione sarebbe stata fatta ai danni di due imprenditori agrigentini, Ettore e Sergio Li Causi.

"Estorsioni mafiose a imprenditori", chiesto nuovo rinvio a giudizio per 50enne

L’inchiesta condotta dalla Dia di Agrigento, agli ordini di Roberto Cilona, vede imputati Antonio Massimimo di Villaseta e presunto boss e Liborio Militello, cinquantenne agrigentino. I pm della Dda Sinatra e Camilleri, hanno chiesto la responsabilità penale dei due imputati. I pubblici ministeri hanno chiesto di condannare gli imputati. L’accusa ha chiesto anche la trasmissione degli atti alla procura, per Salvatore Gambino, agrigentino di 46 anni. L’uomo sarebbe coinvolto come mandante di estorsione. Per l’agrigentino i due pm avrebbero chiesto un procedimento penale con l’accusa di falsa testimonianza.

“Non conosco Antonio Massimino e mai mi sono rivolto a lui – ha detto Gambino in udienza – neanche conosco Liberio Militello. I Li Causi hanno con me un debito di 85mila euro ed ho fatto loro un decreto ingiuntivo per riscuoterlo”. A difesa di Massimino l’avvocato Salvatore Pennica, a difesa di Militello l’avvocato Giovanni Castronovo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Estorsioni ai danni di due imprenditori", chiesti 10 anni per Massimino e 7 per Militello
AgrigentoNotizie è in caricamento