rotate-mobile
Cronaca

"Estorsione a clienti disabili", fissata udienza in Cassazione

L'avvocato Francesca Picone e la sorella Maria Concetta, consulente di un patronato, contestano l'ordinanza del gip

Nel corpo dell’ordinanza viene accertata “l’insussistenza dei reati contestati”, di conseguenza il provvedimento con cui si dispone la trasmissione degli atti alla Procura per formulare un nuovo capo di imputazione “è abnorme e va annullato”. L’avvocato Francesca Picone e la sorella Concetta, consulente di un patronato, accusate di estorsione e tentata estorsione ai danni di alcuni clienti dello studio legale, si erano rivolte alla Cassazione chiedendo di annullare il provvedimento con cui, lo scorso 9 giugno, il gup Stefano Zammuto non ha emesso la sentenza del processo in cui erano imputate ma ha disposto la restituzione degli atti al pm ritenendo che “il fatto è diverso da come è descritto nel capo di imputazione”. A distanza di alcune settimane è stata fissata l'udienza davanti alla Suprema Corte che ci celebrerà il 24 novembre.

L’atto di appello è stato notificato anche ai difensori di parte civile (gli avvocati Salvatore Pennica, Giuseppe Arnone, Arnaldo Faro e Gisella Spataro) che rappresentano in giudizio le presunte vittime dei ricatti. Secondo l’accusa l’avvocato Picone, che in una circostanza avrebbe avuto il supporto della sorella Concetta, che lavora in un patronato come consulente fiscale, avrebbe costretto alcuni clienti che assisteva in una causa previdenziale per ottenere l’indennità di accompagnamento per figli o familiari disabili, a pagare una parcella ulteriore a quella stabilita dal tribunale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Estorsione a clienti disabili", fissata udienza in Cassazione

AgrigentoNotizie è in caricamento