Espulso dal campo, l'ira di Cipolla: "Non ho fatto niente e lo dimostro"

L'agrigentino è uno dei giocatori simbolo dell'Akragas. Contro il dattilo, il difensore, ha dovuto lasciare il campo per un cartellino rosso. Non solo, arrivata la "batosta" anche dal giudice sportivo

Alfonso Cipolla (foto Akragas)

Ha trascorso il lunedì successivo, giorno libero per la stragrande maggioranza dei calciatori, a riguardare la partita cercando disperatamente di capirci qualcosa sulla sua espulsione. Lui è Alfonso Cipolla, difensore dell’Akragas ed uno dei principali volti della gestione Castronovo. Cipolla, contro il Dattilo, è stato espulso. L’arbitro ha visto un presunto fallo ed ha estratto il cartellino rosso. D’impatto, Cipolla, non poteva crederci ed ha lasciato il campo esterrefatto. Ha voluto rivedere l’azione, non una ma circa trenta volte per poi arrivare ad una conclusione, quel fallo – secondo quanto fatto sapere dal difensore – proprio non c’è. Non solo, per dimostrarlo, Cipolla ha estrapolato dalla partita l’azione “incriminata”, cercando di capirci qualcosa sul presunto fallo. 

Il giudice sportivo ha fermato il difensore per tre turni. Tre partite senza campo, un’eternità per chi, come Cipolla, ha fatto del calcio il suo mestiere e stile di vita.

"La verità è troppo evidente per non esser mostrata. Mi sono visto sventolare un cartellino rosso senza aver fatto completamente nulla, un'espulsione che avrebbe potuto condizionare il risultato è davvero assurdo. Oltre a crearmi un danno imminente, mi recherà un danno ancor più grave in futuro, con le giornate di squalifica che mi infliggerà il giudice sportivo". Furono queste le parole di Cipolla all'indomani della partita, ed aveva anche ragione sulla pesante squalifica.  Adesso, il difensore dell'Akragas, chiede che qualcuno possa visionare questi filmati e tenerne conto. In Eccellenza, però, la prova tv non può essere portata sul "banco degli imputati". Cipolla ci prova e spera che qualcosa possa cambiare. Il difensore agrigentino ha scritto ad AgrigentoNotizie: "Non ho fatto assolutamente niente, la mia espulsione è stata totalmente ingiusta". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, salgono ancora i nuovi casi in Sicilia: 8 gli agrigentini contagiati

  • Nuova "bomba" d'acqua sull'Agrigentino: strade e ristoranti allagati, albero su auto

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): 6 per Agrigento, arrivano i primi tamponi rapidi

  • Vigile del fuoco e operaio dell'aeroporto positivi al Coronavirus: nuovo caso anche a Cattolica

  • Coronavirus, in Sicilia ci sono altri 77 casi: 8 sono nell'Agrigentino, nessun nuovo guarito

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento