rotate-mobile
Cronaca Cattolica Eraclea

"Procedure espropriative non illegittime", Il Tar respinge ricorsi del proprietario di un terreno

L'uomo contestava al Comune di Cattolica Eraclea di aver occupato delle aree per edilizia popolare

I suoi terreni erano stati occupati nel lontano 1993 per la realizzazione di strutture di edilizia popolare. Aveva quindi deciso di presentare ricorso per impugnare i provvedimenti dell'amministrazione comunale di Cattolica Eraclea contestando presunte illegittimità e chiedendo la condanna dell’Amministrazione al risarcimento  del danno.

Il Tribunale amministrativo regionale, tuttavia, accogliendo invece la difesa del Comune (rappresentato dall'avvocato Pietro Bisconti) e della Cooperativa Le Foyer (rappresentata dall'avvocato Girolamo Rubino) e ha dichiarato inammissibile il ricorso.

In particolare, il Collegio ha ritenuto fondata l’eccezione di prescrizione dell’azione e la mancata notifica del ricorso agli ex soci della cooperativa, avendo il ricorrente proposto ricorso al Tar solo nel 2016, a fronte di provvedimenti adottati tra il 1993 e il 1996, e senza averlo validamente notificato.

Il Tar, inoltre, ha condannato il ricorrente al pagamento delle spese in favore del Comune di Cattolica Eraclea e degli ex soci della cooperativa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Procedure espropriative non illegittime", Il Tar respinge ricorsi del proprietario di un terreno

AgrigentoNotizie è in caricamento