Via Atenea ostaggio della movida selvaggia, i residenti presentano esposto

Sono una trentina quelli che si sono rivolti a Procura, Questura e Prefettura chiedendo provvedimenti

Continue risse, rifiuti ovunque: i residenti di via Atenea e delle strade collegate come via Pirandello, Cesare Battisti, discesa Celauro, San Francesco, cortile Modica, e vicolo San Pietro si rivolgono a Procura, Prefettura e Questura per chiedere misure decise per fermare il degrado. 

In particolare gli stessi denunciano ripetuti episodi di disturbo della quiete pubblica ma anche danneggiamenti, pericoli per l'incolumità pubblica e la vendita in modo diffuso di droga a giovani e giovanissimi.

Sono una trentina gli abitanti che hanno firmato l'esposto, che tra le altre cose evidenzia la presenza di gravi condizioni di tipo igienico-sanitario, stante che in molti urinano e vomitano per strada.

Una situazione ormai non più tollerabile rispetto alla quale comunque le forze dell'ordine hanno avviato una stretta importante ai controlli a partire già da questo week end sia per evitare gli assembramenti che per sanzionare comportamenti violenti o degradanti.

"Ormai è diventato impossibile persino dormire", denuncia un residente su Facebook dopo aver postato un video di giovani che cantano, verosimilmente in stato di alterazione alcolica, per strada.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

  • Covid-19, il virus torna a tenere sotto scacco Canicattì: un morto e 35 nuovi positivi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento