Erosione costiera, imprenditore chiede maxi risarcimento al Comune di Siculiana

L'uomo sostiene che i danni subiti dal suo locale sono da addebitare ad una sbagliata progettazione del porto

Un titolare di uno stabilimento balneare ha chiesto un maxi risarcimento al Comune di Siculiana. Il proprietario della struttura ha messo nero su bianco un’azione di risarcimento di 250mila euro per il “danno causato da opere pubbliche”.

L’imprenditore sostiene che i danni subiti dal suo locale sono da addebitare ad una sbagliata progettazione del porto di Siculiana, ma anche per una sbagliata tecnica di manutenzione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La procedura di mediazione è stata portata avanti dal legale dell’uomo, l’avvocato Pietro Piro.  Nell’atto depositato, secondo quanto fatto sapere dal Giornale di Sicilia, si legge che i danni  subiti dalla struttura sono causati dalla forza del mare.  Gli esperti del settore hanno addebitato la responsabilità al comune di Siculiana per avere commissionato i lavori e per non aver dragato mai il porto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • "Fase 2": movida e assembramenti, alcol vietato dalle 21 e locali chiusi a mezzanotte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento