Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ergastolo all’assassino di Teresa Costanza e del fidanzato, il padre della ragazza: “Giustizia è stata fatta”

L’imprenditore, originario di Favara, commenta la conferma in Cassazione della condanna a Giosuè Ruotolo, riconosciuto colpevole del duplice omicidio

 

“La verità è una sola, lui è l’assassino e tutto porta a lui nonostante le bugie, le falsità e tutto quello che ha messo in moto questo assassino ma che sono tutte venute a galla”. Con queste parole, l’imprenditore favarese Rosario Costanza, raggiunto telefonicamente dalla redazione di AgrigentoNotizie, commenta la conferma in Cassazione della pena dell’ergastolo nei confronti di Giosuè Ruotolo, l’ex sottufficiale dell’esercito riconosciuto colpevole del duplice omicidio dei fidanzati Teresa Costanza e Trifone Ragone.

Ragazza favarese uccisa insieme al fidanzato per gelosia, confermato ergastolo
Ragazza favarese uccisa insieme al fidanzato per gelosia, confermato ergastolo

 

Potrebbe interessarti: https://www.agrigentonotizie.it/cronaca/omicidio-ragazza-favarese-fidanzato-conferma-condanna-ergastolo.html

Giosuè Ruotolo si è sempre detto estraneo al duplice delitto commesso la sera del 17 marzo 2015 nel  parcheggio del palazzetto dello Sport di Pordenone. Sulla mancata ammissione dei fatti e sulla relativa assenza di pentimento, il papà di Teresa precisa: ”E’ la legge dei criminali che ammazzano una persona e poi devono essere rincorsi per venire scoperti. Non si vuole pentire e non ha mai detto la verità – aggiunge Rosario Costanza – e quindi agli occhi del popolo e dei suoi familiari risulta innocente”.

La condanna all’ergastolo di Ruotolo, per il padre di Teresa Costanza, è stato il frutto "di un ottimo lavoro investigativo e della magistratura che ha lavorato incessantemente per fare piena luce sull’efferato crimine".

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento