Emergenza rifiuti, i residenti di Ciuccafa: "Pronti a denunciare"

Sono arrabbiati e delusi gli empedoclini che sono costretti a convivere con una situazione igienico-sanitaria più che mai difficile

Contrada Ciuccafa

Porto Empedocle continua a vivere giorni difficili, alcuni quartieri della città marinara sono sommersi dai rifiuti. A vivere nel disagio sono , tra gli altri, i residenti di contrada Ciuccafa. Una distesa di spazzatura che ha fatto arrabbiare più che mai gli abitanti della zona.

Netturbini al lavoro, Ida Carmina: "Presto torneremo alla normalità"

“Siamo stanchi – dice uno dei residenti ad AgrigentoNotizie – qualcuno si è dimenticato di noi? Non ritirano la spazzatura da venti giorni. Siamo in perenne emergenza. Se la situazione dovesse continuare ad essere così grave saremo costretti a denunciare tutto alla Procura”.

Sono arrabbiati i residenti di Ciuccafa, la loro zona è sommersa dai rifiuti. Cattivi odori ed una emergenza sanitaria che non fa vivere bene gli abitanti della zona. “Non si può continuare così. Sembriamo davvero dimenticati da tutti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

52853982_583972562070490_3839847010555396096_n-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Movida a rischio, altra rissa tra giovanissimi a San Leone: volano pugni

  • Gli cade il telefonino, torna indietro e non lo ritrova più: avviate indagini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento