Lunedì, 15 Luglio 2024

Emergenza pronto soccorso: in arrivo medici dell'Esercito e della polizia, ma anche una tenda con 40 posti letto

L'Asp spera, nell'arco dei prossimi due mesi, di riportare un po' di normalità fra le corsie del "San Giovanni di Dio"

Emergenza Pronto soccorso dell'ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento, la carenza di personale medico resta, secondo l'Asp, il problema che causa la maggior parte dei disagi patiti dai cittadini. L'azienda sanitaria provinciale oggi ha convocato la stampa per annunciare diverse soluzioni che, nell'arco dei prossimi due mesi, questo è stato il tempo stimato dal commissario straordinario Mario Zappia, dovrebbe portare un po' di normalità fra le corsie del presidio di emergenza.

Dopo le dimissioni del primario, la rinuncia dello specialista designato alla guida del reparto e la “minaccia” di dimissioni dei medici che ci lavorano, l'Asp ha chiesto aiuto alla sede territoriale del Governo e su imput del prefetto, Filippo Romano, nel nosocomio di contrada Consolida, dovrebbero arrivare i medici dell'Esercito e della polizia così come, per sopperire alle carenze di spazi per i pazienti, in attesa dei tanto attesi lavori di ampliamento del pronto soccorso, verrà installata una tenda esterna con quaranta posti letto. Soluzioni quest'ultime che si aggiungono all'impiego degli specialisti argentini, annunciati nei giorni scorsi e al ritorno volontario in corsia di medici in pensione.

Pronto soccorso, solo 6 medici per far fronte a 4500 accessi al mese: la denuncia dell'ex primario

I vertici dell'Asp non hanno gradito le istanze dei sindaci agrigentini e nello specifico, al commissario Zappia, non sono piaciuti i modi che hanno visto i primi cittadini chiedere l'intervento degli organi superiori della sanità pubblica, evitando il dialogo con l'azienda sanitaria. Per il resto, e lo è stato ripetuto più volte durante l'incontro con la stampa, è stato una continua ripetizione di “speriamo” pronunciati nell'auspicio che le criticità del pronto soccorso agrigentino possano presto risolversi e, su questo aspetto, se chi spera è il commissario straordinario, figuriamoci quali sono le aspettative dei cittadini che hanno diritto a una sanità pubblica adeguata.

Sanità e disservizi, sit-in dei sindaci in tutti gli ospedali per chiedere aiuto alla Regione

Video popolari

AgrigentoNotizie è in caricamento