"Salta" anche la ditta sostitutiva, Porto Empedocle è sola e sommersa dai rifiuti

Ieri l'annuncio della Prefettura di una garanzia della sicurezza dell'impresa incaricata di iniziare a pulire la città, ma il privato si è tirato indietro

Porto Empedocle e sempre più sola e sempre più immersa nei rifiuti. Dopo le proteste di ieri, la presa di posizione della Prefettura e delle forze dell'ordine, stamattina l'amara scoperta per il Comune: la ditta canicattinese nominata dall'ente per iniziare e rimuovere i rifiuti quantomeno dalle zone sensibili della città ha deciso non tornare a Porto Empedocle nonostante l'impegno proprio da parte dell'ufficio territoriale del Governo a garantire la sicurezza degli operatori dopo i fatti di ieri quando, come spiegato appunto dal prefetto, all'indirizzo degli assessori Sicilia e Urso oltre che della ditta sarebbero volati insulti e minacce. Sulla presunta aggressione oggi i netturbini pare vorrebbero agire legalmente contro la stampa sostenendo che il "contatto" non vi sia mai stato, versione diversa da quella però fornita dalla controparte.

Emergenza rifiuti a Porto Emepdocle, Caci contro il sindaco: "Si prenda le sue responsabilità"

Ad ogni modo, la città è sempre più immersa nei rifiuti e non sembrano palesarsi soluzioni all'orizzonte. Non solo: nella zona di Marinella la spazzatura è stata data alle fiamme trasformando quindi tutto in rifiuto speciale, materiale che la ditta alternativa, anche qualora tornasse sui suoi passi, non potrebbe comunque raccogliere.

Disordini a Porto Empedocle, il sindaco Carmina: "La protesta è legittima, ma servono altri modi"

"Siamo onestamente scoraggiati soprattutto per il messaggio che sta passando, ovvero che basta minacciare per imporre la propria volontà - dice il sindaco di Porto Empedocle Ida Carmina - nonostante si sia detto che lo Stato è dalla nostra parte".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Protesta a Porto Empedocle, il prefetto: "No alla violenza, lo Stato sarà presente"

Sul fronte del pagamento delle spettanze arretrate ai netturbini, ancora, si attendono i trasferimenti da parte di Regione e Governo nazionale, anche se vi sarebbe un impegno da parte di Palermo di accelerare le procedure. Stasera in Prefettura si dovrebbe tenere un incontro con Comune e Cisl, il sindacato più rappresentato tra i netturbini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Cosa fare se si è entrati in contatto con una persona positiva al coronavirus

  • Coronavirus, boom di contagi fra Licata, Sciacca, Porto Empedocle e Raffadali: anche 2 bimbi e una docente

  • Aumentano i contagi da Covid, sospesi i mercatini settimanali: ecco dove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento