rotate-mobile
Sabato, 2 Marzo 2024
Prefettura

Emergenza migranti a Lampedusa, Piantedosi: "Sicilia e Calabria non possono essere il campo profughi d'Europa"

Il ministro dell'Interno ha replicato alle contestazioni delle Ong in merito alla scelta del porto di Ancona per consentire lo sbarco degli extracomunitari salvati dalle navi Ocean Viking e Geo Barrents

"Nessun rischio, prima di disporre il porto sicuro ci avvaliamo del contributo di valutazioni tecniche specialistiche. Se un viaggio viene indirizzato in un porto vuol dire che le valutazioni fatte dagli specialisti lo consentono. E sono navi di stazza importante che, in passato, si sono trattenute in mare se non due, tre, settimane, anche in condizioni meteo assimilabili a quelle di questi giorni". Lo ha detto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, a margine del comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica svoltosi alla Prefettura di Agrigento, in merito alla scelta del porto di Ancona per consentire lo sbarco dei migranti salvati dalle navi Ocean Viking e Geo Barrens. Le ong hanno contestato la scelta. A loro dire sarebbe stato opportuno scegliere un porto sicuro più vicino, visto anche le condizioni meteo avverse e la necessità di un viaggio di 3 giorni e mezzo per arrivare fino ad Ancona. 

Migranti, vertice con ministro e capo della polizia

"Abbiamo fatto tutto responsabilmente. E questo perché abbiamo immaginato che il gravame che già soffre Lampedusa in primis, la Sicilia in seconda battuta, ma anche la Calabria - ha spiegato il capo del Viminale - con numero degli sbarchi e tutto ciò che ne consegue, ci sono adempimenti di polizia giudiziaria e screening sanitari, ed è giusto creare i presupposti di distribuzione sul territorio nazionale. Qualcuno ha fatto la mappatura cromatica dei porti che abbiamo indicato negli ultimi mesi e si vede che c'è stata equa distribuzione su tutti, qualcuno ha invocato quelli che non sono stati oggetto di indicazione e lo saranno a breve. Vogliamo una equa distribuzione sul territorio nazionale con l'obiettivo di sgravare il più possibile Sicilia e Calabria che non devono essere condannate ad essere campo profughi dell'intera Europa".  

Piantedosi: "Ancona? Regione non guidata da sinistra"

"La scelta del porto di Ancona per le navi Ocean Viking e Geo Barents ha riguardato una città che è in una regione non governata dalla sinistra. E questo dovrebbe indurre a fare ragionamenti diversi. Segnalo che quando avviene uno sbarco viene attuato un provvedimento di distribuzione che spesso porta alla distribuzione al di fuori del luogo dello sbarco, ma addirittura al di fuori della regione. Se così non fosse, Lampedusa sarebbe ormai invasa da centinaia di migliaia di persone". Lo ha detto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, a margine del comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica svoltosi in Prefettura ad Agrigento. "Ho rispetto per le critiche, a maggior ragione di quelle che vengono dall'opposizione del governo - ha aggiunto - . Vengo da  una storia di funzionario dello Stato, quindi meno avvezzo alle dinamiche politiche o partitiche e i primi giorni ho dovuto fare l'abitudine a confrontarmi con queste formule di contestazione che personalmente ritendo superficiali e pregiudiziali. Mi sono però già abituato, ho indossato i panni di chi crede nella propria coscienza e nella giustizia di quello che fa. Sono convinto - ha concluso - che quello che stiamo facendo va nella direzione giusta su un fenomeno complicato e drammatico qual è quello dell'immigrazione. Accetto le contestazioni dell'opposizione, ma sono convinto che stiamo andando sulla direzione giusta". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza migranti a Lampedusa, Piantedosi: "Sicilia e Calabria non possono essere il campo profughi d'Europa"

AgrigentoNotizie è in caricamento