rotate-mobile
Il vertice

Emergenza idrica: due sorgenti e il dissalatore Enel pronti per Agrigento, Micciché: "Chieste motoape per le viuzze del centro"

Il prefetto Filippo Romano ha scritto al dipartimento Affari penitenziari del ministero di Giustizia per chiedere di ridurre la popolazione carceraria. L'istituto penitenziario ha l'autonomia di 24 ore, se dovesse mancare l'acqua, alla venticinquesima ora non potrebbe che scoppiare la rivolta

"Non ci saranno trivellazioni. Ad Agrigento abbiamo due sorgenti: la fonte di Bonamorone che è a monte della fontana ed è un'acqua che già trattiamo, rendendola potabile. Domattina ci sarà il sopralluogo dei tecnici del comune e di Aica con lo speleologo. Questa è una sorgente che può essere utilizzata quasi immediatamente, senza bisogno di trivellare. Così lo stesso, per l'altra sorgente trovata in via Solferino che è quella che il privato ha spontaneamente messo a disposizione. Già questi due pozzi, anche se non sono di una grande portata idrica, sono sufficienti per tamponare un po' l'emergenza". Lo ha detto il sindaco di Agrigento, Francesco Micciché, durante la riunione fatta stamani in prefettura in merito alla crisi idrica e alle soluzioni che si stanno cercando e rendendo operative. Di acqua, crisi o non crisi, si occupa la Regione con le articolazioni delle Ati. Preoccupandosi dell'ordine e sicurezza pubblica, il prefetto Filippo Romano ha, nel corso degli ultimi mesi, ripetutamente convocato tutte le istituzioni e gli enti interessati. 

Vertice in prefettura sull'emergenza idrica: autobotti per tutti e 6 milioni di euro disponibili per la ricerca di nuove fonti

Le soluzioni per non morire di sete: ricostruire il dissalatore ed ecco tutte le nuove fonti idriche da cui attingere

Dissalatore Enel a disposizione

"L'Enel ha messo a disposizione il dissalatore che fornisce 28 metri cubi, è piccolo ma funzionante e il rifornimento con le autobotti potrà essere fatto di continuo perché hanno le vasche d'accumulo e non bisogna aspettare che l'acqua venga dissalata - ha proseguito, cercando di fare il punto, il sindaco della città dei Templi - . Credo molto, inoltre, nel dissalatore di Porto Empedocle perché venne realizzato in tempi non sospetti e poi dismesso. Secondo me, c'è o non c'è emergenza, visto i cambiamenti climatici, nell'immediato bisogna lavorare su questo. Voglio lavorarci a livello regionale, ma anche a livello privato. Se domani dovesse arrivare qualsiasi imprenditore o multinazionale dall'estero e offre un progetto di finanza, perché no? Col privato i tempi potrebbero essere molto più brevi, purché sia competitivo e non vada a costare moltissimo al cittadino. Col fotovoltaico, il costo può essere ridotto il costo". 

Motoape o porterino per le viuzze di Girgenti 

"Ho chiesto di fornire il comune di Agrigento di piccoli automezzi. L'autobotte non può entrare in tante viuzze, per rifornire alcune utenze come i B&B abbiamo comprato una manichetta di 70 metri. Ma serve trovare due o tre motoape o dei porterini affinché si possa arrivare sia nelle strutture che si occupano di turismo che nelle utenze private c'è l'anziano o il disabile - ha spiegato il sindaco Franco Micciché - . In merito alla rete idrica in rifacimento, fatemi spiegare: non abbiamo perso il finanziamento. Il Rup ha bloccato i lavori e abbiamo attinto al primo, utile, finanziamento. E il fatto che il Rup ha bloccato i lavori ha permesso di fare in modo che non ci fosse bisogno di rifare il bando e fare passare altri 2 anni. Questa non è una promessa, è realtà. Abbiamo recuperato i soldi per rifare la rete idrica da dove perdiamo il 60% di acqua".

Rete idrica di Agrigento, c'è una nuova opportunità: il governo stanzia 37 milioni di euro

Comitato ordine e sicurezza pubblica sulla siccità: fonti alternative e manichette per il centro storico, ma anche "guerra" agli sprechi

Crisi idrica: rifornire il carcere con le autobotti e recuperare acqua per Favara

L'appello: venga ridotta la popolazione carceraria 

"Ho scritto, concordandolo con il sindaco di Favara Antonio Palumbo, al dipartimento Affari penitenziari del ministero di Giustizia per chiedere di ridurre la popolazione carceraria. L'istituto penitenziario ha l'autonomia di 24 ore, se dovesse mancare l'acqua, alla venticinquesima ora scoppia la rivolta. Per cui se si riduce la popolazione carceraria ottengo due effetti: allungo la durata dell'autonomia e allontano il rischio di malumori dei carcerati e riduco le necessità dell'istituto penitenziario - ha spiegato il prefetto di Agrigento, Filippo Romano, - . Il comune di Favara, d'accordo con Aica, è riuscito anche a fare una presa che prima non c'era, una presa per integrare l'acqua". 

AgrigentoNotizie è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza idrica: due sorgenti e il dissalatore Enel pronti per Agrigento, Micciché: "Chieste motoape per le viuzze del centro"

AgrigentoNotizie è in caricamento