rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024

Colpo di scena: Agrigento in massa scende in strada, marcia degli "assetati" lungo via Atenea

La manifestazione pacifica, alla quale ha partecipato anche l'arcivescovo Alessandro Damiano, si è conclusa in piazza Pirandello

Contro ogni pronostico gli agrigentini sono scesi in piazza per rivendicare il diritto di avere il bene essenziale per la sopravvivenza, ovvero l’acqua. Sono stati circa un migliaio i cittadini che hanno marciato pacificamente lungo la via Atenea per protestare contro gli estenuanti turni di distribuzione idrica che in alcune zone della città, raggiungono anche le due settimane di attesa. Presente anche l’arcivescovo di Agrigento, monsignor Alessandro Damiano che con la sua partecipazione alla manifestazione, ha ribadito il sacrosanto diritto dei cittadini a pretendere una equa distribuzione del prezioso liquido.

DOSSIERAbbandonato e vandalizzato, vi portiamo dentro al dissalatore "fantasma" di Porto Empedocle

Durante la marcia, ideata  sui social da Alfonso Cartannilica,  più volte è stata diffusa la preghiera cantata dall’indimenticabile Rosa Balistreri “Signuruzzu, chiuviti chiuviti” e l’invocazione degli agrigentini assetati è stata in parte accolta dal cielo e a margine della manifestazione che si è chiusa ai piedi di Palazzo dei Giganti, qualche goccia di pioggia dal cielo è scesa ma che non è stata sufficiente per contrastare la grave siccità che coinvolge l’intero territorio siciliano.

DOSSIER. Rubinetti a secco e acqua persa per strada: da 15 anni la nuova rete idrica di Agrigento ostaggio della burocrazia

Dal palco di fortuna, allestito in piazza Pirandello, don Mario Sorce, in rappresentanza del Cartello sociale, ha voluto precisare che le responsabilità sulle carenze idriche, non devono interamente attribuirsi ai fattori climatici ma alla inefficienza di una classe politica che non ha mai affrontato il problema in modo adeguato. Nella città futura capitale della cultura italiana dunque si scende in piazza per problemi vecchi di almeno quaranta anni, di nuovo ci sono soltanto i listoni affissi sul prospetto del municipio che ricordano a tutti, il prestigioso riconoscimento attribuito dal ministero della Cultura e che, paradossalmente, ha nel suo logo proprio l’acqua che rappresenta uno dei quattro elementi naturali che sono essenziali per la vita.

Nasce Dossier, AgrigentoNotizie punta su inchieste e approfondimenti

AgrigentoNotizie è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Video popolari

AgrigentoNotizie è in caricamento