Avvocati in difficoltà per il Coronavirus, il presidente del tribunale ai giudici: "Liquidate le parcelle dello Stato"

Pietro Maria Falcone scrive ai magistrati dell'ufficio e ai vertici della cancelleria: "Non va trascurata la loro situazione di disagio"

Il presidente del tribunale Pietro Maria Falcone

L'emergenza Coronavirus mette in crisi tutti, compresi gli studi legali dell'Agrigentino. Udienze quasi azzerate, nuovi procedimenti a singhiozzo e ricezione dei clienti bloccata da un mese. Per molti professionisti della giustizia, considerato che il blocco durerà almeno un altro mese, sono tempi durissimi. 

Il presidente del tribunale di Agrigento, Pietro Maria Falcone, sollecitato dal commissario dell'Ordine degli avvocati Silvio Miceli e dalla camera penale, prende carta e penna e scrive ai giudici e ai vertici della cancelleria per invitarli a liquidare le parcelle del cosiddetto "patrocinio a spese dello Stato". In sostanza i clienti che non possono permettersi, in base al reddito, di pagare il proprio difensore, possono chiedere allo Stato di pagare le proprie spese legali.

La procedura, particolarmente articolata e ultimata con tempi sempre particolarmente lunghi, se accelerata, potrebbe dare un pò di ossigeno a numerosi studi legali agrigentini, che attendono ancora liquidazioni degli anni precedenti, e che rischiano seriamente di chiudere se non si dovesse riprendere presto a pieno regime.

"Nell’ambito dei problemi collegati all'emergenza epidemiologica in atto non può essere trascurata la situazione di difficoltà in cui versano gli avvocati - scrive Falcone -, per l’improvvisa contrazione dell'attività professionale derivante dal fermo quasi totale dell'attività giudiziaria. Ritengo che un segnale concreto di vicinanza nei confronti di una categoria che collabora con noi per offrire la migliore risposta alla domanda di giustizia proveniente dal circondario possa essere costituita da una celere definizione dell'arretrato relativo alla liquidazione dei compensi in favore degli avvocati".

Il presidente del tribunale aggiunge: "Il dirigente amministrativo, come indicato nel programma annuale 2020 tra gli obiettivi prioritari dell’ufficio, ha già provveduto a dare disposizioni affinchè il personale preposto all’ufficio spese di giustizia e all’ufficio del funzionario delegato, anche attraverso l’uso dello smart working, prosegua più celermente nelle attività di smaltimento dell’arretrato".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Falcone si dice "certo che la prosecuzione di un percorso di attiva collaborazione sia assolutamente indispensabile in questo momento per affrontare le contingenti difficoltà".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

  • Passeggero della Tua positivo al Covid 19, l'Asp: "Chi ha viaggiato su questo bus ci contatti immediatamente"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento