Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca

Un riberese nel cast de "La compagnia del Cigno", Emanuele: "Il successo non mi cambierà"

Una serie tv che sta sbaragliando la concorrenza, tra gli attori anche un talentuoso agrigentino. Faccia da bravo ragazzo ed un amore viscerale per la musica classica

Una serie tv che è diventata cult in poco meno di un mese, un ruolo importante, la passione per la recitazione e l’amore, senza riserva, per la musica. Dentro le case di milioni di spettatori ha bussato la faccia buona di Emanuele Misuraca. Attore quasi per caso e musicista per passione, amore e talento. Si, quel talento che adesso lo sta facendo rimbalzare di copertina in copertina. Riberese doc ma milanese d’adozione. Emanuele non ha abusato di fortuna, ma ha studiato tanto. Dentro alle sue vene pulsa sangue a base di musica classica, un genere diverso che solitamente non entra nei cuori dei giovanissimi, fino a poco tempo fa. Emanuele è Domenico nella serie tv “La compagnia del cigno”, in onda su Rai1. Il riberese interpreta il ruolo di Domenico. Un 17enne genio del conservatorio che vive in un appartamento di Milano. Domenico suona il pianoforte ed anche il clarinetto. Il 17enne nella realtà, appunto, è Emanuele Misuraca.

“Quanto c’è di me in Domenico? Moltissimo. Anche io come lui studio tanto. Sono legatissimo alla mia famiglia – ha detto Emanuele ad AgrigentoNotizie – ed amo molto i miei genitori. Ho dei valori ben radicati, la famiglia per me è fondamentale. Proprio come il personaggio che interpreto nella serie televisiva. Domenico è molto me, anche io mi sono trasferito da piccolo al Nord, come lui ho studiato al conservatorio. Forse, però, lui è un po’ più responsabile di me. Anche io suono il pianoforte è una mia grande passione, come lo è il clarinetto”.

Il successo, quello vero che si tocca con mano, Emanuele lo sta vivendo. Questo, però, non sembra spostare i suoi equilibri. “Onestamente non mi aspettavo tutto questo. Non per sminuire la serie, anzi. E’ stata realizzata curando ogni minimo dettaglio, senza mai tralasciare nulla. Abbiamo lavorato veramente tanto. Una delle cose che più mi rende orgoglioso oltre ai numeri, è che la serie è seguita anche e soprattutto da adolescenti. Ecco, questo proprio non me l’aspettavo. Sapere che in tanti, anche i giovani, stanno apprezzando la musica classifica mi rende felice. Davvero”.  Emanuele Misuraca ama la sua terra, Ribera è nel suo destino. “E’ bello sentire i miei vecchi amici, gente che mi conosce molto bene. Sono felice che anche Ribera sta apprezzando questa serie. I social? Mi arrivano tanti messaggi, foto taggate e molto altro. E’ bello perché tanti miei coetanei stanno seguendo questa serie”.

Giovane, talentuoso e dentro un vortice di successo. Facendo un passo indietro, però, Emanuele per far parte dell’ambizioso cast ha sudato parecchio. “Ho fatto diversi provini. Iniziavo a superarli tutti, poi per l’ultimo l’ansia era tantissima. Ricordo bene dov’ero quando ricevetti quella fatidica chiamata. Mi trovavo al supermercato stavo facendo la spesa, poi ho mollato tutto e sono fuggito. Correvo di gioia. Il primo messaggio? Ho chiamato i miei genitori, anche loro, come me, erano curiosi di sapere. Poi è andata tutto bene e siamo tutti felici. Io appagato? Si. Ma devo lavorare ancora tanto. Devo crescere anche professionalmente, per questo serve molto studio. Sono pronto a farlo”.

Emanuele è un musicista prestato al cinema, lui lo sa bene ma non si pone limiti. “Il lavoro non mi spaventa. Con il cast siamo stati fuori sei mesi. Anzi, sei lunghi mesi. Ho avuto al fianco gente come Anna Valle e tanti altri. La musica resta il mio grande amore, quello viscerale. Mi piace molto recitare, ascolterò quello che la vita mi proporrà, poi deciderò”.

Segreti, lunghe prove ed un cast d’eccezione, Emanuele ha però una sua preferita. “Sono tutti dei compagni di viaggio eccezionali. Una persona che, però, non dimenticherò è la mia coach Leonarda Imbornone. Lei è stata veramente speciale. E’ una grande artista, è di Sciacca. Siciliana come me, addirittura quando provavamo, tra di noi amavamo parlare in dialetto 'Comu ti parsi?’. E’ stato importante avere lei al mio fianco”.

Emanuele ama la musica, è la sua fonte principale di ispirazione. Ma non chiedetegli dove si vedrà tra vent’anni. “Qualche anno fa ho rilasciato un’intervista proprio ad AgrigentoNotizie, ad oggi non so rispondere ancora. Come mi vedo tra vent’anni? Vedremo. Spero che tra qualche anno ci risentiremo e vi darò una risposta più precisa".

Da Ribera a Milano con un sogno, Emanuele Misuraca si racconta

Tra i tanti seguaci di Emanuele anche diverse giovanissime. “Il mio cuore? Attualmente è libero. Al momento voglio dedicarmi al lavoro, poi se dovesse arrivare quella giusta, vedremo”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un riberese nel cast de "La compagnia del Cigno", Emanuele: "Il successo non mi cambierà"

AgrigentoNotizie è in caricamento