rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
La battaglia legale / Sciacca

Amministrative di Sciacca: dopo il "no" del Tar Ignazio Messina si appella al Cga

L'obiettivo è di ottenere la verifica, in contraddittorio tra le parti, delle schede votate dagli elettori in 27 sezioni, le stesse che erano state indicate nel precedente ricorso

Così per come annunciato, continua la battaglia legale di Ignazio Messina contro il risultato delle elezioni amministrative di quasi un anno fa, che al primo turno del 12 giugno 2022 lo videro sfiorare il 40%, a soli 18 voti dalla sua elezione a sindaco di Sciacca. Al ballottaggio di due settimane dopo vinse l'attuale primo cittadino Fabio Termine.

Il Tar Sicilia ha deciso: Fabio Termine resta sindaco di Sciacca

Dopo che il Tar ha dichiarato improcedibile il precedente ricorso, confermando così il 39,9% dei voti ricevuti da Ignazio Messina, i suoi avvocati Stefano Polizzotto e Antonietta Sartorio hanno impugnato la sentenza e presentato appello al Consiglio di giustizia amministrativa. L'obiettivo di Messina è di ottenere la verifica, in contraddittorio tra le parti, delle schede votate dagli elettori in 27 sezioni, le stesse che erano state indicate nel precedente ricorso al Tar, che invece aveva stabilito che i controlli (poi affidati alla  Prefettura di Agrigento) dovessero  riguardare 9 sezioni elettorali. Messina continua a segnalare la presunta illegittima mancata attribuzione a suo svantaggio di numerose preferenze, per errori che, pur avendo indotto i presidenti di seggio a non conteggiarli, avrebbero comunque contenuto una chiara volontà degli elettori a suo favore. Il sindaco Termine aveva presentato ricorso incidentale, assistito dagli avvocati Girolamo Rubino, Calogero Marino e Giuseppe Impiduglia. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amministrative di Sciacca: dopo il "no" del Tar Ignazio Messina si appella al Cga

AgrigentoNotizie è in caricamento