In sella ad un mulo per dire "no" alla plastica: partenza dalla Valle dei Templi

I partecipanti ad EcoMulo

In sella ad un mulo per dire "no" alla plastica e immaginare un mondo privo di inquinamento e rifiuti. E' questo in sintesi lo spirito di "EcoMulo", iniziativa di sensibilizzazione che si svolgerà a partire il prossimo 1 maggio e riguarderà la provincia di Agrigento.

La partenza (ovviamente, in mulo) è infatti prevista dal Tempio della Concordia di Agrigento. Da qui i partecipanti si muoveranno per tappe alla volta del santuario di Santa Rosalia a Palermo, passando per l'Eremo di Santo Stefano di Quisquina, primo "Comune plastic free".

L'iniziativa è al suo nono anno ed è dedicata questa volta, appunto, al tema  della plastica "che sta invadendo il nostro pianeta - dicono gli organizzatori -. Non c'è luogo,  seppure sperduto ma dal quale sia passato un uomo, che non presenta tracce di plastica. Un tappo di bottiglia, nella migliore delle ipotesi, un copertone abbandonato nella peggiore, un sacchetto che ha contenuto vivande per una scampagnata, nei casi più frequenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Federico Price Bruno e i suoi compagni di viaggio partiranno, in sella ai muli, dalla Valle dei Templi e da qui, attraversando poi le trazzere del Parco dei Monti Sicani arriveranno a Santo Stefano di Quisquina.  Durante tutto il percorso di "EcoMulo 2019" ogni genere di  vettovaglia, accessorio, strumento necessario alla conduzione del viaggio sarà rigorosamente senza plastica e biodegradabile, in osservanza 
alla necessità di rendere il pianeta Terra più pulito e di preservarlo da fonti di inquinamento impossibili da smaltire".

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • Aveva febbre e diarrea: morto un ghanese 20enne, scatta il protocollo sanitario per Covid-19

  • Favara saluta Lorena con i lenzuoli bianchi, i familiari del presunto omicida: "Persa una figlia"

  • L'epidemia da Coronavirus si allarga: primi contagiati a Naro e Ravanusa

  • L'omicidio di Furci Siculo, l'assassino di Lorena ai carabinieri: "Non so perché l'ho fatto"

  • Rientra in città dal Nord e in famiglia scoppia il parapiglia: accorre la polizia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento