Cronaca

"L'assunzione della moglie barattata con un'ispezione lacunosa", parte appello per carabiniere e avvocato

In primo grado il maresciallo Antonio Arnese e l'ex presidente di Ecap e Casa Amica Ignazio Valenza sono stati condannati a 2 anni per corruzione

Da sinistra Arnese e Valenza

Il 12 dicembre davanti alla Corte di appello di Palermo: riparte in appello il processo sul “caso Ecap”. Lo scorso 30 gennaio il maresciallo dei carabinieri Antonio Arnese, all’epoca dei fatti, nel 2012, comandante del nucleo Ispettorato del lavoro, e l’avvocato Ignazio Valenza, ex segretario dell’Ordine forense e presidente di due enti, sono stati condannati a due anni di reclusione per l’accusa di corruzione.

Secondo i giudici, Valenza avrebbe barattato un controllo ispettivo “blando e lacunoso” all’istituto di formazione Ecap con l’assunzione della moglie di Arnese alle dipendenze di Casa Amica, altro ente presieduto dal professionista. I difensori, gli avvocati Daniela Posante, Antonino Gaziano e Giuliano Dominici, hanno impugnato la sentenza che, adesso, sarà ridiscussa. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"L'assunzione della moglie barattata con un'ispezione lacunosa", parte appello per carabiniere e avvocato

AgrigentoNotizie è in caricamento