Sfondano pareti e portone del "Giallonardo Q": maxi furto al chiosco

Hanno agito più persone che avevano a disposizione un mezzo dove poter caricare tutta la refurtiva. Spetterà però alle indagini dei carabinieri provare a fare chiarezza. Nel 2018 qualcuno aveva provato a incendiare la struttura

Foto di un precedente incendio

Hanno devastato, provando ad abbatterle, le pareti di legno, forzato il portone di ingresso e una volta intrufolatisi all’interno del “Giallonardo Q” – che si trova proprio sulla spiaggia di Giallonardo fra Porto Empedocle e Realmonte – hanno messo tutto a soqquadro e hanno portato via tutto quello che hanno trovato: dai soldi che erano stati lasciati in cassa, alla macchina tritaghiaccio, alle casse e mixer dell’impianto audio. Ma hanno portato via anche le cassette - tante cassette visto che il proprietario aveva appena ricevuto la merce dal distributore - di bevande. 

Danneggiamento e furto hanno provocato danni per oltre tre mila euro.  Fatta la scoperta, ancora sotto choc, il proprietario ha lanciato l’allarme ai carabinieri. Sul posto sono accorsi i militari dell’Arma della stazione di Realmonte che hanno effettuato un meticoloso sopralluogo.

Difficile pensare a qualcosa di improvvisato. Verosimilmente hanno agito più persone che avevano a disposizione un mezzo dove, appunto, poter caricare tutta la refurtiva. Spetterà però alle indagini dei carabinieri, che ieri risultavano essere in fase embrionale, provare a fare chiarezza e ad individuare i malviventi. Nessuno a quanto pare – nonostante vi siano delle case vicine – ha visto, né sentito nulla.

Sarebbe bastata una semplice segnalazione al 112 per consentire ai carabinieri di bloccare gli autori del danneggiamento e furto che hanno comunque impiegato del tempo.  Nel giugno del 2018, qualcuno aveva tentato di incendiare lo stesso chiosco. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento