menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra Francesco Gueli e Giuseppe Incardona

Da sinistra Francesco Gueli e Giuseppe Incardona

Duplice tentato omicidio a Palma, gli indagati restano in carcere

I fermi non sono stati convalidati. Il giudice per le indagini preliminari, Stefano Zammuto, ha però applicato la custodia cautelare

I fermi non sono stati convalidati. Il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Agrigento, Stefano Zammuto, ha però applicato - per entrambi gli indagati - la custodia cautelare in carcere per le ipotesi di reato di tentato omicidio e porto illegale di armi. 

Duplice tentato omicidio a Palma di Montechiaro, eseguiti due fermi 

Stamani, gli indagati Francesco Gueli di 42 anni (che ha nominato gli avvocati Giovanni Castronovo, Tanja Castronovo e Santo Lucia) e Giuseppe Incardona di 52 anni (che ha nominato l'avvocato Giuseppe Vinciguerra) sono comparsi davanti al giudice.

Francesco Gueli si è avvalso della facoltà di non rispondere, mentre Giuseppe Icardona - il cui nominativo sarebbe saltato fuori grazie a delle intercettazioni - avrebbe detto al magistrato che "quell'Incardona è un omonimo".

Si studia la traiettoria dei proiettili esplosi contro l'auto

Alla base del duplice tentato omicidio vi sarebbe stata una discussione decisamente animata inizialmente avvenuta in un bar. Lo scorso martedì sera, tra le vie Quasimodo e Pizarro, vi sarebbe stato un inseguimento tra due autovetture. I passeggeri della vettura inseguitrice hanno esploso alcuni colpi di pistola, calibro 7,65, precisamente otto, contro una Fiat Panda. Dopo circa mezz’ora, in via Sottotenente Palma un colpo di pistola, calibro 45, ha attinto all’addome Leandro Onolfo. Il giovane pare che abbia cercato di disarmare il parente che pare volesse vendicarsi.

Due le persone sottoposte all'esame dello "Stub"

Nel giro di tre giorni, i poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Agrigento e quelli del commissariato di Palma di Montechiaro - coordinati dalla Procura della Repubblica di Agrigento - sono riusciti a ricostruire il quadro probatorio, seppur in assenza di testimonianze utili alle indagini.

Auto crivellata di colpi e tentato omicidio nel giro di neanche un'ora 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento