Duemila mascherine dalla Caritas agrigentina in giro per tutta Italia

I dispositivi di sicurezza prodotti sono ben 2mila. I volontari, senza mai fermarsi, hanno donato 1300 mascherine

Le mascherine della Caritas

Si chiama “Diamoci una mano” ed è un progetto della Caritas diocesana di Agrigentino e della fondazione Mondoaltro nato in piena emergenza Covid 19. Il progetto, dunque, ha coinvolto 48 volontari.

Le mascherine prodotte sono ben 2mila. I volontari, senza mai fermarsi, hanno donato 1300 mascherine. I numeri sono stati resi noti dalla Caritas Diocesana di Agrigento.

La solidarietà non si è solo fermata nell’Agrigentino, tutt’altro: le mascherine sono state donate in tutta Italia. Il carico, secondo quanto fatto sapere dalla Caritas, ha raggiunto Bologna e parte del Nord Italia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Con l’hastag Diamoci una mano - dicono  dalla Caritas - ormai più di due mesi fa, abbiamo iniziato una sfida che immaginavamo già essere grande ma della quale, i contorni, ci appaiono sfocati ancora oggi, incerti per alcuni versi. E’ per questo che l’attività della Caritas e dei suoi volontari non rallenta un attimo ed è per questo che il richiamo all’attenzione al prossimo e alla solidarietà non cessa un minuto. Ed è per questo – ancora – che l’esercito delle mascherine – così come sorridendo è stato denominato – nato quasi per gioco, continua ancora oggi a portare avanti il proprio impegno. Il progetto nasce dal desiderio, oltre che dalla necessità, di adattare l’intervento della Caritas Diocesana Agrigento e della Fondazione Mondoaltro, alle varie esigenze che mano a mano andavano nascendo a causa dell’emergenza Covid-19. Una di queste era legata all’introduzione dell’uso obbligatorio delle mascherine e alla difficoltà di reperirle, specie per coloro che, pur trovandole, non avevano la possibilità di acquistarle".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Covid-19, altri due casi in provincia: chiuso ristorante e richiamati tutti i clienti

  • La faida sull'asse Favara-Belgio, scatta l'operazione "Mosaico": raffica di arresti, trovate armi

  • Operazione "Mosaico": duplice tentato omicidio, ecco chi sono i 7 arrestati

  • Coronavirus, ancora positivi in provincia: a Ravanusa i casi salgono a sette

  • Nuova "bomba" d'acqua sull'Agrigentino: strade e ristoranti allagati, albero su auto

  • Il Covid non molla la sua presa: due nuovi casi a Favara, uno a San Biagio e Grotte

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento