"Ucciso a 21 anni da una dose killer": ecco i dettagli dell'inchiesta

In casa dell'arrestato trovati vari tipi di stupefacente, sul cellulare varie chat accerterebbero anche la vendita di droga al ragazzo stroncato ad inizio mese

Un momento della conferenza stampa

E' accusato di aver ceduto droga ad un giovane poi morto per overdose. Per questo i carabinieri della Tenenza di Ribera hanno arrestato e condotto in carcere un riberese. L'uomo, 34 anni, Attilio Mantisi, avrebbe venduto il metadone che, secondo una nota dei militari avrebbe causato l’overdose di un 21enne riberese.

Due giovani morti nel giro di 30 ore, la Procura dispone autopsia

Sulle tracce di Mantisi i carabinieri si sarebbero messi subito questo evento luttuoso che ha molto colpito la comunità crispina. Decisiva sarebbe stata ai fini delle indagini una perquisizione domiciliare, durante la quale sono stati trovati eroina, metadone e un bilancino di precisione. "Ciò che consentiva, però, agli inquirenti di avere definitiva certezza di essere davanti allo spacciatore che aveva ceduto lo stupefacente al ragazzo poi deceduto per overdose -  continua la nota dei carabinieri - era l’esame del cellulare del Mantisi". Proprio sullo smartphone sarebbero state trovate delle conversazioni dal contenuto ritenuto "inequivocabile" che accerterebbero che il defunto avesse comprato dall'arrestato droga da giugno fino alla tragica scomparsa.

Droga killer a Ribera, il tenente Proietti: "Mai più vite spezzate"

Mantisi, è in carcere attende l’interrogatorio di garanzia del Giudice. Si cercherà di comprendere se lo stesso abbia qualche correlazione con la scomparsa di un altro giovane, deceduto anch'egli ad inizio novembre.  Una vicenda sulla qualle gl inquirenti cercano di fare piena chiarezza, soprattutto in considerazione della sempre più crescente preoccupazione sociale connessa all'uso di droga tra giovani e giovanissimi. I corpi erano stati per questo sottoposti ad autopsia e le indagini si erano concentrate sul giro di tossicodipendenti in città. Già nei giorni scorsi, durante un'operazione che ha portato all'individuazione di tre pusher, le immagini delle telecamere nascoste hanno rilevato come tra i clienti - nei mesi passati - vi fossero proprio i due deceduti.

(aggiornato alle ore 11)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento