menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Preso con quattro chili di hashish nel B&B", cade aggravante: 26enne libero

Il tribunale del riesame esclude l'ipotesi di cessione a minorenni e sostituisce gli arresti domiciliari con l'obbligo di dimora

Cade l'aggravante della cessione della droga a un minorenne e la misura cautelare viene attenuata: il tribunale del riesame di Palermo ha rimesso in libertà il ventiseienne Andrea Gueli, arrestato dai carabinieri il 5 dicembre con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di droga.

Presi con la droga nel B&B, arrestati due giovani

I giudici, ai quali si è rivolto il difensore dell'indagato, l'avvocato Salvatore Pennica, hanno modificato l'ordinanza cauelare del gip di Agrigento, Luisa Turco, sostituendo gli arresti domiciliari con l'obbligo di dimora nel Comune di residenza. La misura restrittiva prevede anche l'obbligo di restare in casa fra le 20 e le 7.

Trovati in possesso di 4 chili di hashish", indagati agli arresti domiciliari

Gueli era stato arrestato insieme ad Amedeo Alex Ricci, 20 anni. I due, assieme ad una diciassettenne, sono stati sorpresi dai carabinieri in un B&B del centro storico, gestito proprio da Gueli, in possesso di 4 chili e 200 grammi di hashish e 200 grammi di marijuana. L'arresto era stato poi convalidato dal gip che aveva applicato gli arresti domiciliari.

IL VIDEO. Blitz dei carabinieri in un B&B, ecco le immagini della "roba" sequestrata

Il tribunale del riesame ha ritenuto che gli indizi, in relazione all'aggravante dell'avere ceduto la droga alla ragazzina minorenne, fossero insufficienti e, di conseguenza, ha attenuato la misura cautelare.   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giornali on line più letti, la classifica della piattaforma Similarweb

Attualità

Vaccinazione Covid, parte il servizio di prenotazione con Postamat

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento